IPEX: cos'è e come funziona la Borsa elettrica italiana - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

IPEX: cos’è e come funziona la Borsa elettrica italiana

IPEX: cos'è e come funziona la Borsa elettrica italiana

L’IPEX ha un ruolo molto importante oggi nel prezzo che gli italiani pagano per usufruire dell’energia elettrica. L’aumento sconsiderato delle bollette ha alimentato la curiosità per scoprire come si forma tale prezzo. L’energia che arriva nelle case, nelle aziende e nella Pubblica Amministrazione attraversa una filiera che parte dalla produzione fino alla vendita al consumatore finale. Durante queste fasi avvengono delle contrattazioni dove l’energia passa di mano dal produttore al fornitore. Queste contrattazioni si svolgono o in forma bilaterale oppure in una vera e propria Borsa dell’energia, denominata IPEX. Scopriamo quindi di più su questo mercato, mettendo in evidenza come e perché è nato, nonché il funzionamento e l’utilità.

 

IPEX: caratteristiche e funzionamento

L’IPEX è l’acronimo di Italian Power Exchange e consiste in un mercato telematico dove avviene la vendita e l’acquisto di energia all’ingrosso. La Borsa elettrica è nata il 1° aprile del 2004, grazie alla liberalizzazione del mercato dell’energia stabilita nel 1999 dal Decreto Bersani, con cui si poneva fine al monopolio esercitato da ENEL e si dava la possibilità a una moltitudine di operatori di produrre e fornire energia. Il motivo per cui esiste una Borsa elettrica è dettato dal fatto che i fornitori al dettaglio di energia non sono sempre anche produttori; quindi, si è posta l’esigenza di un mercato dove potersi procurare la risorsa da far arrivare al consumatore finale.

All’IPEX quotidianamente si incontrano virtualmente la domanda e l’offerta da parte di operatori specializzati. Il prezzo si forma attraverso il meccanismo dell’asta marginale. In sostanza, tutti i produttori sono remunerati al prezzo più alto degli offerenti che viene accettato per soddisfare la domanda. Le negoziazioni avvengono su base oraria. All’interno del mercato si quantifica il Prezzo Unico Nazionale (PUN), che corrisponde alla media ponderata dei prezzi di vendita di zona aggiudicati per il giorno successivo, in funzione degli acquisti totali. Il PUN varia di ora in ora.

La funzione del PUN è molto importante perché tale prezzo costituisce uno dei principali fattori che influenza il costo della bolletta. Infatti, nel mercato libero si trovano spesso contratti a prezzo variabile in base al PUN. Se quest’ultimo sale si arriva a pagare di più. Se invece si fa un contratto a prezzo bloccato, si sostiene una spesa maggiore rispetto al mercato qualora il PUN dovesse scendere. La Borsa elettrica è gestita dal Gestore dei Mercati Energetici (GME), società per azioni interamente partecipata dal Gestore dei Servizi Energetici S.p.A., a sua volta controllata per il 100% dal Ministero dell’Economia e delle Finanze.

 

Borsa elettrica: le fasi di contrattazione

L’IPEX si divide in tre fasi: il mercato elettrico a pronti, il mercato elettrico a termine dove si contrattano strumenti derivati e la piattaforma dove avviene la consegna fisica dei contratti finanziari. Il mercato a pronti è quello che è più comunemente conosciuto e si articola in tre sottofasi:

 

  • il mercato del giorno prima, dove avviene la maggior parte delle transazioni in cui gli operatori si scambiano “blocchi orari” per il giorno dopo. Questo è un mercato d’asta e non a contrattazione continua, nel quale i partecipanti presentano offerte indicando la quantità e il prezzo massimo e minimo che sono disposti a pagare o a ottenere per la quantità che vogliono acquistare o vendere;
  • il mercato infragiornaliero, dove gli operatori possono apportare modifiche agli schemi definiti nel mercato del giorno prima, attraverso ulteriori offerte di acquisto o vendita. Le negoziazioni in questo mercato avvengono mediante tre sessioni d’asta e una di negoziazione continua;
  • il mercato per il Servizio di Dispacciamento, dove l’operatore unico Terna si approvvigiona delle risorse necessarie per gestire e controllare il sistema, ovvero le congestioni intrazonali, la creazione della riserva di energia e il bilanciamento in tempo reale. Su questo mercato Terna agisce come controparte centrale e le offerte sono remunerate al prezzo presentato (pay-as-bid).

 

AUTORE

Redazione

Redazione

Composta da professionisti dell’informazione finanziaria di lungo corso, la redazione di Borsa&Finanza segue in modo trasversale i contenuti offerti dal portale. Oltre a seguire le news e le novità più importanti del panorama finanziario italiano e internazionale, il team dedica ampio spazio a realizzare guide e approfondimenti educational utili a migliorare le conoscenze degli investitori sia sul fronte della finanza personale che su quello degli investimenti, spiegando strutture, funzionamento, pregi e difetti dei diversi strumenti finanziari presenti sul mercato.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *