La giornata sui mercati in cinque punti e i market mover della settimana
Cerca
Close this search box.

LA GIORNATA SUI MERCATI IN 5 PUNTI – 23 dicembre 2019

manovra

Ultima settimana dell’anno con Borse aperte a pieno regime solo in 2 giorni e pochi dati macro. Si va verso l’approvazione della Manovra

Manovra in dirittura d’arrivo

Atteso per oggi il sì definitivo alla Legge di Bilancio. Il governo, ieri, ha posto la questione di fiducia sul testo della Manovra, arrivato blindato alla Camera, dopo l’approvazione (con fiducia) da parte del Senato. A comunicarlo è stato il ministro per i rapporti con il Parlamento, Federico D’Incà, e la motivazione è che in questo modo si evita di andare oltre i tempi e far scattare l’esercizio provvisorio.

Il voto a Montecitorio è previsto per questo pomeriggio: le dichiarazioni di voto inizieranno alle ore 14, mentre l’appello nominale alle ore 15.30. Il calendario è stato illustrato all’Aula dal presidente di turno, Ettore Rosato. Dunque, il sì definitivo dovrebbe arrivare in serata.

In caso di esito positivo, si tratterà dell’approvazione definitiva della Manovra, mentre un voto negativo farebbe cadere il governo Conte 2. Le opposizioni di Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia sono insorte contro la procedura adottata dal Governo e contro il  presidente della Camera, Roberto Fico, accusando la maggioranza di aver subito un’ingiustizia gravissima e una censura sulla legge principale dell’anno.

Aste pre-Natalizie

L’anno di conclude con due aste pre-natalizie: oggi il Tesoro collocherà il Bot semestrale (scadenza 30 giugno 2020) e il Ctz annuale. Lunedì prossimo, invece, sarà la volta dell’asta Btp a 5 e 10 anni. Da Via XX Settembre saranno emessi Bot a sei mesi per complessivi 6,5 miliardi di euro, lo stesso ammontare del mese scorso, quando il tasso è stato di –0,215 per cento e la domanda di quasi 10 miliardi, con un bid-to-cover (rapporto di copertura) di 1,51. I CTZ a 24 mesi ammontano a 1,25-2 miliardi. Il rialzo dei tassi dell’ultimo mese dovrebbe portare il rendimento di assegnazione del CTZ vicino allo zero, mentre l’asta di novembre ha registrato tassi negativi con il collocamento di 1,75 miliardi di euro al rendimento medio di assegnazione del -0,033 per cento, in aumento rispetto al precedente (-0,112 per cento). La domanda è stata di quasi 3,2 miliardi con rapporto di copertura di 1,82.

Pochi (ma buoni) dati macro

Questa settimana sarà molto scarna di dati macro, con quasi tutte le principali piazze chiuse nel giorno di Natale e molte anche martedì 24 e giovedì 26 (tranne Wall Street). Da seguire oggi il report mensile della tedesca Bundesbank e, nel primo pomeriggio, gli ordini dei beni durevoli negli Stati Uniti e la vendita di case nuove. Martedì saranno pubblicati i verbali sulla politica monetaria della Banca centrale giapponese, mentre venerdì i dati su tasso di disoccupazione, inflazione e produzione industriale del Giappone. Giovedì sono previste soltanto le nuove richieste di disoccupazione Usa, mentre l’ultimo giorno della settimana sarà dedicato, oltre alle stime giapponesi, anche alla pubblicazione del rapporto mensile della Bce e al dato delle scorte statunitensi di greggio.

Ex-Ilva, parte il count-down per salvarla

È stato fissato al 31 gennaio il termine ultimo per arrivare a un accordo tra i partecipanti al tavolo negoziale, con l’obiettivo di salvare il polo siderurgico dell’Ex Ilva di Taranto. Venerdì scorso i commissari dell’amministrazione straordinaria e Arcelor Mittal hanno firmato un preaccordo che concede più tempo per trattare. Il giudice, Claudio Marangoni, ha così disposto il rinvio al 7 febbraio dell’udienza sul ricorso presentato dall’amministrazione straordinaria contro la multinazionale per recesso contrattuale.

Nel preaccordo si legge che il Governo, considerato “l’interesse strategico nazionale degli asset dell’Ilva e l’esecuzione del Green New Deal”, si impegna a preservare gli attuali livelli occupazionali e a mantenere una produzione di otto milioni di tonnellate annui, entro il 2023. Am InvestCo si impegna, a sua volta, a versare 1,8 miliardi per l’acquisto di asset e pagare così i creditori.

Si creerà, in base a quanto c’è scritto nel preaccordo, una nuova società con soci pubblici e privati per implementare “nuovi impianti produttivi con tecnologia green nel sito di Taranto”, ma la composizione e gli attori in gioco nella nuova NewCo sono ancora da definire.

Usa, Trump contro tutti

Non si può abbassare la guardia sulla politica americana e sulle vicende che coinvolgono il presidente Donald Trump, che sicuramente domineranno tutto il 2020, in vista delle elezioni presidenziali. Ieri, su Twitter Trump è tornato a scagliarsi contro la speaker della Camera, Nancy Pelosi, definendola “una pazza che vuol dettare i termini dell’impeachment”, per aver deciso di non trasmettere gli articoli incriminati al Senato. I dem “stanno violando la costituzione”, ha aggiunto l’inquilino della Casa Bianca, “è davvero scorretto”.

Da monitorare anche gli sviluppi dei rapporti tra Usa-Europa-Russia, dopo che Donald Trump ha approvato le sanzioni contro le compagnie impegnate nel progetto del gasdotto Nord Stream 2, per trasportare il gas russo attraverso il Baltico in Germania, dal valore di circa undici miliardi di dollari. La motivazione è che Nord Stream 2 darebbe alla Russia una posizione privilegiata e potrebbe portarla ad interferire nelle questioni economiche e di sicurezza dell’Europa occidentale. La Germania  e l’Unione europea non hanno affatto gradito l’ingerenza americana, mentre i russi hanno fatto sapere che, con o senza sanzioni, il gasdotto sarà completato.

AUTORE

Redazione

Redazione

Composta da professionisti dell’informazione finanziaria di lungo corso, la redazione di Borsa&Finanza segue in modo trasversale i contenuti offerti dal portale. Oltre a seguire le news e le novità più importanti del panorama finanziario italiano e internazionale, il team dedica ampio spazio a realizzare guide e approfondimenti educational utili a migliorare le conoscenze degli investitori sia sul fronte della finanza personale che su quello degli investimenti, spiegando strutture, funzionamento, pregi e difetti dei diversi strumenti finanziari presenti sul mercato.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *