La scarsità d'acqua può essere gestita? - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

La scarsità d’acqua può essere gestita?

La scarsità d'acqua può essere gestita?

L’acqua è la linfa vitale del mondo. Non solo è essenziale per la salute e l’igiene umana di base, ma alimenta anche l’industria, sostiene gli ecosistemi ed è una parte fondamentale della vita quotidiana. Allora perché questa risorsa vitale non viene gestita in modo efficace? 

In molte parti del mondo le risorse idriche sono messe a dura prova dal consumo eccessivo, dall’inquinamento e dagli effetti del cambiamento climatico. La sicurezza idrica non è solo una sfida per il mondo emergente, infatti l’affidabilità dell’approvvigionamento idrico è compromessa nel mondo sviluppato. Fortunatamente, gli sviluppi normativi, il sostegno governativo e l’innovazione delle imprese stanno iniziando ad affrontare questo problema, creando potenziali opportunità di investimento.

 

Una triplice minaccia per la sicurezza idrica

Nonostante sia conosciuto come il Pianeta Blu, solo lo 0,5% dell’acqua sulla Terra è utilizzabile e disponibile, ovvero che può essere utilizzata per scopi agricoli, industriali e municipali, nonché per il consumo. La domanda globale di acqua dolce è aumentata di sei volte dall’inizio del 20° secolo ed è probabile che supererà l’offerta del 40% entro il 2030. Tre fattori fondamentali stanno determinando questa scarsità d’acqua: l’aumento dei consumi, l’inquinamento e gli effetti del cambiamento climatico.

In primo luogo, l’aumento della popolazione mondiale non solo sta aumentando la domanda di acqua potabile, ma sta anche mettendo a dura prova altri processi dipendenti dall’acqua, come l’agricoltura e l’industria. In secondo luogo, oltre l’80% dell’acqua utilizzata rifluisce nell’ambiente senza essere trattata, spesso contenendo rifiuti umani e sottoprodotti industriali tossici, che inquinano corsi d’acqua vitali come i fiumi.

Infine, l’aumento delle temperature pone profonde sfide per un approvvigionamento idrico sicuro e affidabile: per ogni aumento di 1°C delle temperature medie globali, l’ONU prevede un calo del 20% delle risorse idriche rinnovabili. Superare queste sfide e soddisfare la crescente domanda di acqua richiederà ingenti investimenti in tutta la catena del valore del settore idrico e l’innovazione tecnologica.

 

 

Migliorare le infrastrutture obsolete

Mentre le soluzioni per l’efficienza idrica stanno già contribuendo a ridurre i prelievi idrici pro capite nelle economie avanzate, l’invecchiamento delle infrastrutture idriche richiede l’espansione e l’ammodernamento in molte parti del mondo. Nel 2020, le Nazioni Unite hanno stimato che ogni anno dovrebbero essere spesi altri 260 miliardi di dollari in infrastrutture legate all’acqua per realizzare i suoi obiettivi di sviluppo sostenibile in materia di acqua entro il 2030

Tale spesa per le infrastrutture dovrebbe concentrarsi sull’espansione dei sistemi di acque pulite e reflue e sugli investimenti in migliori soluzioni di drenaggio in grado di catturare il deflusso e prevenire le inondazioni superficiali. Un contesto normativo più rigoroso può anche aiutare ad affrontare i problemi di qualità dell’acqua in tutto il sistema idrico, dalle tecnologie di analisi dell’acqua al trattamento delle acque reflue. 

 

Investire lungo tutta la catena del valore dell’acqua

Nel contesto dell’espansione della domanda di acqua, dell’offerta limitata e dell’inasprimento delle normative, si possono trovare opportunità per gli investitori lungo tutta la catena del valore dell’acqua. Tuttavia, tra le aziende che gestiscono infrastrutture per il trattamento e l’approvvigionamento idrico, che forniscono servizi di acqua pulita, acque reflue e fognature, vale la pena essere selettivi. Dato l’aumento del controllo normativo e pubblico sul settore, saranno le società di servizi pubblici che dimostreranno una gestione progressiva dell’acqua ad affrontare minori rischi normativi sotto forma di potenziali multe o perdita della licenza sociale per operare e, quindi, presenteranno le opzioni di investimento più interessanti.

Dal punto di vista delle infrastrutture, le aziende che forniscono i prodotti e i servizi che integrano l’infrastruttura end-to-end nelle applicazioni industriali, residenziali e commerciali dovrebbero vedere aumentare la domanda. Si va dalle aziende che producono o distribuiscono prodotti di apparecchiature di rete come tubi, pompe e valvole specializzate che assistono nella trasmissione dell’acqua, ai fornitori di valutazioni delle acque sotterranee per la pianificazione della difesa dalle inondazioni.

Anche il trattamento per renderla idonea al consumo umano o a processi industriali raffinati è un settore che sta conoscendo un’espansione e coinvolge un’ampia gamma di aziende che progettano, producono e installano tecnologie o impianti per il trattamento, la separazione e la depurazione delle acque.

 

Scopri di più qui: https://www.bnpparibas-am.com/it-it/operatore-professionale/forward-thinking/la-scarsita-dacqua-puo-essere-gestita

 

 

 

BNP Paribas Asset Management Europe è una società di gestione autorizzata dall’Autorité des marchés financiers con il numero GP96002, costituita come società per azioni semplificata, con sede legale in 1, boulevard Haussmann 75009 Parigi, Francia, RCS Paris 319 378 832, e sito web: www.bnpparibas-am.com.

Il presente documento ha natura pubblicitaria e viene diffuso con finalità promozionali, è prodotto a mero titolo informativo e non costituisce:

  1. un’offerta di acquisto o una sollecitazione di vendita e non costituirà la base di qualsivoglia contratto o impegno né ci si potrà fare affidamento in relazione a questi ultimi;
  2. una consulenza finanziaria.

Le opinioni espresse nel presente documento rappresentano il parere della società di gestione di investimenti alla data indicata e sono soggette a modifiche senza preavviso. La società di gestione di investimenti non è obbligata ad aggiornare o a modificare le informazioni e le opinioni contenute nel presente documento. Si raccomanda agli investitori di consultare i loro abituali consulenti finanziari, legali e fiscali per valutare l’adeguatezza e l’opportunità di investire negli strumenti finanziari. Si noti che i diversi tipi di investimento, se contenuti in questo documento, comportano gradi di rischio differenti e nessuna garanzia può essere fornita circa l’adeguatezza, l’idoneità o la redditività di un investimento specifico sul portafoglio di un cliente o potenziale cliente.

Tenuto conto dei rischi di natura economica, finanziaria e di sostenibilità e integrazione ESG, non può essere offerta alcuna garanzia che gli strumenti finanziari raggiungano i propri obiettivi d’investimento. Le performance, ove illustrate, possono variare in particolare in funzione degli obiettivi o delle strategie di investimento degli strumenti finanziari e di condizioni economiche e di mercato rilevanti, come i tassi di interesse. Le diverse strategie applicate agli strumenti finanziari possono avere un impatto significativo sui risultati presentati in questo documento.

Il valore degli investimenti negli strumenti finanziari può per sua natura diminuire oltre che aumentare. È possibile che gli investitori non recuperino l’importo inizialmente investito.

 Puoi trovare maggiori informazioni visitando il sito www.bnpparibas-am.com

 

AUTORE

Picture of Redazione

Redazione

Composta da professionisti dell’informazione finanziaria di lungo corso, la redazione di Borsa&Finanza segue in modo trasversale i contenuti offerti dal portale. Oltre a seguire le news e le novità più importanti del panorama finanziario italiano e internazionale, il team dedica ampio spazio a realizzare guide e approfondimenti educational utili a migliorare le conoscenze degli investitori sia sul fronte della finanza personale che su quello degli investimenti, spiegando strutture, funzionamento, pregi e difetti dei diversi strumenti finanziari presenti sul mercato.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *