Quotazioni oro: le ragioni del rialzo, non solo la guerra - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Quotazioni oro: le ragioni del rialzo, non solo la guerra

In questa foto di Mohammed Nohassi delle pepite d'or e una sfera anch'essa fatta di metallo prezioso

Dal 7 ottobre scorso le quotazioni dell’oro hanno guadagnato il 10% riaffacciandosi sopra i 2.000 dollari l’oncia. L’innesco del rialzo è stato l’attacco, nelle prime ore della giornata, di Hamas a Israele. La reazione dello Stato ebraico è stata veemente ed è in pieno svolgimento, così come presente è il rischio che il conflitto coinvolta altri attori, in primo luogo l’Iran. Tuttavia finora non sono arrivare repliche dalla Repubblica islamica all’inizio delle operazioni via terra da parte di Israele.

Lo scenario di tensione bellica in Medio Oriente, tuttavia, è destinato a sostenere ancora il metallo prezioso nel suo ruolo di bene rifugio. A parere di Imaru Casanova, gestore di portafoglio oro e metalli preziosi di VanEck, la guerra non è però l’unico fattore rialzista.

 

Quotazioni dell’oro: Fed e dollaro possono giocare contro

Prima dell’attacco di Hamas le quotazioni dell’oro stavano attraversando un periodo di ribasso. Erano scivolate sotto i 1.900 dollari l’oncia nell’ultima settimana di settembre. Sul metallo prezioso pesavano, in quel frangente, la rivalutazione del dollaro USA e dei rendimenti dei Treasury, a loro volta spinti dalla riunione della Fed di settembre. In quell’occasione gli investitori hanno realizzato che nel 2024 i membri del Comitato di politica monetaria prevedono due soli tagli dei tassi di interesse contro i quattro stimati in precedenza.

Stasera la Fed  comunicherà la sua decisione sui tassi di interesse. Ci sono pochi dubbi sul fatto che i Fed funds rimarranno fermi nell’intervallo tra 5,25% e 5,5%. Meno certo è che la manovra di rialzo sia giunta al capolinea. “Quella che ci si aspettava fosse una pausa della Federal Reserve statunitense nella riunione del 20 settembre si è trasformata in una pausa solo temporanea, dopo che il presidente della Fed e successivamente altri membri hanno chiarito ai mercati di essere pronti a nuovi rialzi, se necessario, e a mantenere i tassi a un livello restrittivo per continuare a combattere l’inflazione” commenta Casanova.

Tuttavia lo scenario si sta rapidamente evolvendo. Le trimestrali USA, diversamente da quanto accaduto in altre occasioni, non sono state il muro senza crepe di utili e ricavi sopra le attese. Questo permette a Casanova di affermare che “quando i mercati saranno colpiti da un calo degli utili societari, da una profonda correzione dei mercati azionari, da un mercato del lavoro più debole o da un aumento significativo della disoccupazione, oltre che da tassi d’interesse elevati e sostenuti, sotto lo stress di un’inflazione superiore al target, riteniamo che l’oro sarà ben posizionato per trarne beneficio”.

Il giudizio ottimista di Casanova si estende anche alle azioni aurifere che nel mese di settembre hanno sofferto insieme all’oro. Anzi, secondo il gestore di portafoglio di VanEck, i titoli di queste società dovrebbero beneficiare ancora in maggiore misura dello scenario descritto in quanto scambiate a multipli di valutazione storicamente bassi e in ritardo rispetto all’andamento dell’oro fisico. “I bilanci, la generazione di flussi di cassa e le strategie di allocazione del capitale del settore minerario aurifero sono forti come non lo sono mai stati” aggiunge Casanova.

 

Sostenuta domanda di oro da oriente

Da oriente non arrivano solo i venti di guerra ma anche la domanda di oro. Secondo le rilevazioni di Bloomberg, in Cina nel 2023 le vendite di lingotti e monete d’oro sono aumentate del 30%. La domanda è cresciuta anche in Turchia, paese che insieme alla Repubblica popolare cinese è tra i maggiori consumatori di oro orientali. “La domanda proveniente da Cina e Turchia – spiega il portfolio manager di VanEck ha contribuito a colmare il vuoto lasciato dal calo della domanda d’investimento occidentale, come testimoniano i persistenti deflussi dagli ETF sostenuti dall’oro fisico. Gli investitori in Cina e Turchia utilizzano l’oro come copertura dai rischi economici e dall’indebolimento delle valute. La Turchia sta registrando un’iperinflazione dovuta a politiche monetarie non convenzionali”. Inoltre le banche centrali stanno acquistando oro per diversificare dal dollaro statunitense e come copertura contro la volatilità dei mercati.

 

Società aurifere, le ragioni per essere positivi

Ottimizzazione del portafoglio, crescita disciplinata, controllo dei costi e realizzazione delle aspettative. Sono le attività a cui si stanno dedicando le società aurifere che il team di VanEck ha incontrato partecipando ad alcune conferenze specializzate sul tema. “Le società sono consapevoli che per ottenere una rivalutazione e attrarre un’ampia base di investitori devono dimostrare costantemente ai mercati che questo settore è investibile durante i cicli dei prezzi dei metalli, con una strategia che si concentra sulla creazione di valore riducendo i costi, incrementando la vita delle miniere e trovando e sviluppando nuovi giacimenti, il tutto massimizzando i ritorni per gli stakeholder. Il successo di tale strategia porterà i risultati attesi” spiega Casanova.

AUTORE

Picture of Alessandro Piu

Alessandro Piu

Giornalista, scrive di economia, finanza e risparmio dal 2004. Laureato in economia, ha lavorato dapprima per il sito Spystocks.com, poi per i portali del gruppo Brown Editore (finanza.com; finanzaonline.com; borse.it e wallstreetitalia.com). È stato caporedattore del mensile Wall Street Italia. Da giugno 2022 è entrato a far parte della redazione di Borsa&Finanza.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *