Azioni Stellantis: impatti sul titolo dopo l'ingresso in Leapmotor? - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Azioni Stellantis: impatti sul titolo dopo l’ingresso in Leapmotor?

Stellantis: quali gli impatti sul titolo con acquisto 21% di Leapmotor?

Sulla Borsa italiana tra i titoli da monitorare ci sono le azioni Stellantis, in scia alle notizie comunicate dalla società prima dell’apertura delle contrattazioni. Nello specifico il Gruppo guidato da Carlos Tavares, dopo una serie di indiscrezioni che si erano susseguite negli ultimi giorni, ha investito quasi 1,5 miliardi di euro per acquistare il 21% di Leapmotor, una delle aziende cinesi leader in campo tecnologico e con la più rapida crescita nel settore dei veicoli a nuova energia, con un modello di integrazione verticale esclusivo e un’ampia gamma di capacità interne a livello di ricerca e sviluppo e produzione.

L’accordo di queste ore, che vede il ritorno di  Stellantis in Cina dopo la rottura con l’ex partner Gac, prevede anche la costituzione di Leapmotor International, una joint venture che vedrà Stellantis avere il 51%, con i diritti esclusivi sia per l’esportazione e la vendita che per la fabbricazione dei prodotti Leapmotor al di fuori del Paese asiatico. Ricordiamo che la jv inizierà la consegna delle automobili nella seconda parte del prossimo anno.

Nello specifico la partnership ha come obiettivi da una parte quello di incrementare ulteriormente le vendite di Leapmotor non solo in Cina ma anche sugli altri mercati e dall’altra aiutare Stellantis a raggiungere i target chiave di elettrificazione fissati nel Piano strategico Dare Forward 2030, rimanendo al tempo aperta a esplorare eventuali ulteriori sinergie reciprocamente vantaggiose. Da sottolineare che Leapmotor, concentrandosi sul mercato di fascia medio-alta, quello in più rapida crescita in Cina, ha consegnato nel corso dell’anno passato quasi circa 111.000 NEV, diventando in questo modo il primo produttore specializzato nel settore dei veicoli a nuova energia in Cina.

 

Azioni Stellantis: analisi tecnica e strategie operative

Andiamo ora a vedere come si sta muovendo l’azione a Piazza Affari. E’ una seduta volatile e al momento all’insegna della debolezza questa odierna per il titolo Stellantis con i prezzi che, proseguendo la fase correttiva innescatosi dai top annuali in area 19 euro, passano di mano in area 17,60 euro perdendo in questo modo la media mobile a 50 giorni posta nei pressi dei 17,70 euro. Nel breve periodo una conferma sotto tali sostegni aprirebbe le porte ad una correzione più marcata, che avrebbe come primo obiettivo la soglia dei 17 euro e successivamente i 16,70-16,60 euro euro. Nel caso in cui quest’ultimi livelli dovessero essere violati al ribasso, si avrebbe un pericoloso indebolimento del quadro grafico con possibili discese verso i 16,25 euro, dove troviamo la media mobile di lungo periodo. L’eventuale perdita di quest’ultimi sostegni, spingerebbe il titolo Stellantis a testare la trendline rialzista che parte dai minimi di luglio 2022 e che transita in area 15,80 euro.

Al contrario solo con la ripresa dei 18-18,10 euro, dove troviamo la trendline ascendente innescatasi dai minimi del 31 maggio scorso, si vedrebbe un primo segnale di forza con primi target i 18,55 euro ed in seguito i 18,71 euro, dove verrebbe chiuso il gap ribassista lasciato aperto lo scorso 19 ottobre. Nel caso in cui queste aree dovessero essere lasciati alle spalle, aumenterebbero per il titolo Stellantis le possibilità di tornare a mettere sotto pressione i massimi annuali situati sulla soglia dei 19 euro

AUTORE

Pietro Origlia

Pietro Origlia

Pietro Origlia, trader indipendente, ha iniziato ad interessarsi dei mercati finanziari all'inizio del 2000, facendone poi una professione tra il 2005-2006. Specializzato nel trading multiday (azioni, valute e materie prime) opera essenzialmente sul mercato italiano. Ha partecipato a vari eventi e manifestazioni in qualità di relatore. Dal 2017 è anche Giornalista Pubblicista. Da gennaio 2022 è entrato a far parte della redazione di Borsa&Finanza.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *