Ucraina: arrivano i bond di guerra che rendono l'11% - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Ucraina: arrivano i bond di guerra che rendono l’11%

Ucraina: arrivano i bond di guerra che rendono l'11%

Grazie a un rendimento garantito dell’11%, l’Ucraina raccoglie 277 milioni di dollari con l’emissione di bond di guerra. Il Paese guidato da Volodymyr Zelenskyj cerca aiuto negli investitori internazionali per sostenere le enormi spese che la guerra Russia-Ucraina sta portando e porterà nei mesi a venire. La rischiosità è molto alta ma presumibilmente anche la partecipazione, per via di un fattore etico di solidarietà verso una Nazione martire che in momenti come questi prende il sopravvento. Così sono in molti disposti a prendersi tale rischio, almeno stando a quanto filtra dalle piattaforme social di Reddit e altri dove molti utenti chiedono informazioni su come fare per accedere all’acquisto. Fermo restando che sinora l’Ucraina ha onorato sempre i suoi impegni sul debito. Ad esempio il Tesoro ha rimborsato 300 milioni di dollari di cedole in scadenza ieri, nonostante le ovvie difficoltà finanziarie in cui versa.

 

 

Ucraina: come acquistare i bond di guerra?

Intorno all’iniziativa del Governo ucraino vi è moltissima vicinanza da parte della gente comune che sarebbe disposta ad assumersi l’alto rischio in segno di solidarietà, ma il problema è che tali war bond non è affatto facile acquistarli per gli investitori al dettaglio. Solitamente la maggior parte di queste obbligazioni è riservata alle banche che le vendono a loro volta agli investitori professionali, in quanto richiedono un investimento elevato. Le principali piattaforme di trading non hanno rilasciato alcun commento riguardo a come è possibile investire su tali asset. Solo Robinhood ha precisato che i bond di guerra emessi dall’Ucraina non sono negoziabili sulla sua piattaforma.

Un altro problema deriva dalla valuta. I bond di guerra ucraini hanno un valore nominale di 1.000 grivna, corrispondenti a 33 dollari. Se fossero espressi in una valuta forte come il Dollaro USA o l’Euro, ci sarebbe maggiore propensione degli investitori a comprarli, perché avrebbero un rischio in meno a cui far fronte, ovvero quello valutario. La Grivna invece è esposta a grande volatilità e soprattutto gli investitori stranieri correrebbero il rischio di vedersi depauperato il ricco rendimento cedolare dal crollo della moneta ucraina per via delle tensioni di guerra.

 

 

Ucraina: sarà davvero in grado di rimborsare i bond?

Molti si stanno chiedendo in effetti se alla fine il Paese sarà davvero nelle condizioni di poter far fronte ai suoi adempimenti, con i rischi valutario e geopolitico che avanzano. Moody’s ha ad esempio sottoposto il rating creditizio dell’Ucraina a revisione, nell’attesa di un imminente downgrade per effetto della guerra con la Russia. Se le obbligazioni saranno accessibili al grande pubblico è però possibile che i rischi citati passino in secondo piano, soprattutto all’interno del Paese, dove i cittadini considererebbero l’investimento come un dovere patriottico.

Il Governo ucraino sta cercando di attenuare le probabilità di eventi avversi ricorrendo anche ad aiuti di emergenza presso l’FMI e la Banca Mondiale. Secondo Damian Sassower, capo stratega del credito dei mercati emergenti per Bloomberg Intelligence, queste 2 istituzioni potrebbero fornire un’ancora di salvataggio al Paese in caso di difficoltà. Inoltre, ritiene probabile che l’Ucraina faccia affidamento alle banche per vendere i bond di guerra, perché sono quelle che possono aiutare a raccogliere denaro in modo rapido e semplice collocandolo presso gli investitori.

 

AUTORE

Picture of Johnny Zotti

Johnny Zotti

Laureato in economia, con specializzazione in finanza. Appassionato di mercati finanziari, svolge la professione di trader dal 2009 investendo su tutti gli strumenti finanziari. Scrive quotidianamente articoli di economia, politica e finanza.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *