Le valute sostituite dall'euro - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Le valute sostituite dall’euro

A partire dal 1° gennaio 2023, la Croazia ha abbandonato la kuna e a dieci anni dal suo ingresso nell’Unione europea, è entrata nell’area Schengen e ha adottato l’euro. Il periodo di doppia circolazione, con un cambio di 1 euro per 7,5 kune, si è concluso il 14 gennaio, ma banconote e monete in kune possono essere cambiate in euro presso l’Agenzia finanziaria e gli uffici postali fino al 30 giugno e nelle banche commerciali fino al 31 dicembre.

Il primo effetto avvenuto nell’ex repubblica jugoslava, peraltro ampiamente previsto, è stato l’immediato aumento dei prezzi di prodotti e servizi. La Commissione definisce comunque un “passaggio riuscito” quello dalla kuna all’euro: la Croazia è diventata in questo modo il ventesimo Paese dell’eurozona. Ma quali sono gli altri diciannove e quali erano le valute sostituite dall’euro?

 

Le valute sostituite dall’euro

La moneta unica europea è attualmente adottata da 20 dei 27 Stati membri dell’Unione aderenti all’UEM, l’Unione economica e monetaria dell’Unione europea. Le vecchie valute ora sostituite dall’euro sono le seguenti:

  • ATS: scellino austriaco
  • BEF: franco belga
  • CYP: lira cipriota
  • DEM: marco tedesco
  • EEK: corona estone
  • ESP: peseta spagnola
  • FIM: marco finlandese
  • FRF: franco francese
  • GRD: dracma greca
  • HRK: kuna croata
  • IEP: sterlina irlandese
  • ITL: lira italiana
  • LTL: litas lituano
  • LUF: franco lussemburghese
  • LVL: lats lettone
  • MTL: lira maltese
  • NLG: fiorino olandese
  • PTE: escudo portoghese
  • SIT: tallero sloveno (tolar)
  • SKK: corona slovacca

 

Tra queste ci sono alcune valute storiche come il franco francese (il primo franco “a cavallo” fu battuto il 5 dicembre 1360) e il fiorino olandese (il suo iniziale periodo di circolazione è fatto risalire al 1355), naturalmente non al pari della sterlina britannica che rimane la valuta più vecchia del mondo ancora in uso.

In realtà, i Paesi che adottano l’euro sono 26 in totale. Anche se non appartengono all’Unione, Kosovo e Montenegro hanno accettato unilateralmente la moneta unica come valuta ufficiale dal 2022: prima utilizzavano il marco tedesco. Lo stesso vale per i microstati come Andorra, il Principato di Monaco, San Marino e Città del Vaticano, che in passato utilizzavano, rispettivamente, il franco francese e la peseta spagnola (per Andorra), il franco (per Monaco), la lira italiana, sammarinese e vaticana.

C’è poi il caso dei territori legati a Francia, Spagna e Portogallo. Fanno parte dell’area dell’euro Mayotte e la Riunione nell’Oceano Indiano, Saint Pierre e Miquelon nell’Oceano Atlantico, la Guyana francese in Sud America, le isole caraibiche della Guadalupa e della Martinica, le isole Canarie, Ceuta e Melilla in Marocco, le Azzorre e Madeira nell’Atlantico.

 

Quali Paesi europei non hanno l’euro?

Dei ventisette attuali Stati membri dell’Unione europea, sette utilizzano ancora una valuta nazionale diversa dall’euro, principalmente in Scandinavia e nell’est dell’Europa:

  • Bulgaria: lev bulgaro (BGN)
  • Danimarca: corona danese (DKK)
  • Polonia: złoty (PLN)
  • Repubblica Ceca: corona ceca (CZK)
  • Romania: leu romeno (RON)
  • Svezia: corona svedese (SEK)
  • Ungheria: fiorino ungherese (HUF)

 

Bulgaria e Romania sono i due principali Paesi che stanno aspirando a far parte della zona euro. Viceversa i cittadini danesi e svedesi hanno rifiutato l’euro con i referendum del 2000 e del 2003. In Danimarca il risultato finale ha contato il 53,1% di contrari e il 46,9% di favorevoli; in Svezia i no hanno raggiunto il 55,9% e i sì appena il 42%.

I candidati per entrare nell’Unione europea (ma non necessariamente nell’eurozona per portare a 28 i Paesi complessivi che adottano la moneta unica) sono invece l’Albania (al momento con il lek albanese), la Bosnia ed Erzegovina (marco bosniaco o marco convertibile), la Moldavia (leu moldovo), la Macedonia del Nord (dinaro nord-macedone o denar) e la Serbia (dinaro serbo o dinar).

Più complicata è invece la situazione per la Turchia (in particolare dopo il terremoto del 6 febbraio, la lira turca ha raggiunto il minimo storico ed è diventata la valuta più costosa tra quelle dei mercati emergenti) e l’Ucraina con la sua hryvnia ucraina. Chi invece non soddisfa ancora in pieno i requisiti richiesti per l’adesione all’UE è la Georgia: il Paese caucasico adotta il lari, eccetto nelle zone dell’Abcasia e dell’Ossezia del Sud dove è in uso il rublo russo. Infine, la Svizzera e il Liechtenstein, insieme all’enclave italiana di Campione d’Italia (che ha anche l’euro) e a quella tedesca di Büsingen am Hochrhein, continuano ad usare il franco svizzero (CHF).

AUTORE

Picture of Alessandro Zoppo

Alessandro Zoppo

Ascolta musica e guarda cinema da quando aveva 6 anni. Orgogliosamente sannita ma romano d'adozione, Alessandro scrive per siti web e riviste occupandosi di cultura, economia, finanza, politica e sport. Impegnato anche in festival e rassegne di cinema, Alessandro è tra gli autori di Borsa&Finanza da aprile 2022 dove si occupa prevalentemente di temi legati alla finanza personale, al Fintech e alla tecnologia.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *