Wall Street: S&P 500 a 4.750 punti entro fine 2023 - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Wall Street: S&P 500 a 4.750 punti entro fine 2023

Wall Street: Société Générale, S&P 500 a 4.750 punti entro fine 2023

Wall Street ha visibilmente frenato la sua marcia nell’ultimo mese. Se si guarda all’indice principale della Borsa USA, l’S&P 500, il bilancio di agosto è stato negativo per 2,77 punti percentuali. La discesa, all’interno di un 2023 che rimane comunque positivo (+16,21% da inizio anno alla chiusura della seduta di martedì 12 settembre), è da attribuire al posizionamento restrittivo della Federal Reserve. È infatti in aumento l’aspettativa che la Banca centrale USA mantenga i tassi di interesse elevati più a lungo di quanto inizialmente previsto, al fine di raggiungere l’obiettivo di far tornare i prezzi al consumo verso il target del 2%.

I dati economici pubblicati negli Stati Uniti mostrano un’economia resiliente e rendono meno probabile l’arrivo di una recessione. La Fed potrebbe quindi proseguire sulla strada del rigore ancora per diverso tempo, alimentando le preoccupazioni del mercato.

 

Wall Street: le previsioni di Société Générale

Gli analisti di Société Générale sono ottimisti sull’andamento di Wall Street. Secondo gli esperti della banca francese, l’indice S&P 500 entro fine anno salirà a 4.750 punti, una stima rivista al rialzo da 4.300 punti. Secondo gli esperti di SocGen gli investitori sconterebbero prospettive economiche più ottimistiche, con “l’arrivo di una recessione che sarebbe ancora probabile, ma ritardato”. Inoltre il mercato statunitense viene ritenuto più interessante rispetto ad altri mercati come l’Europa dove “è in corso una stagflazione” o la Cina colpita da una “recessione disinflazionistica”.

Nel 2024 però lo scenario potrebbe cambiare. L’istituto finanziario transalpino ritiene che il principale benchmark americano potrebbe precipitare verso 3.800 punti nel secondo trimestre, a causa di “un probabile shock  guidato da una contrazione della spesa dei consumatori USA”. Tra i rischi elencati dagli analisti di Société Générale vi è anche l’aumento dei rendimenti dei titoli di Stato USA decennali oltre il 5% dal 4,3% attuale. Nella seconda parte del 2024 la situazione potrebbe migliorare e l’indice risalire fino a 4.750 punti recuperando i livelli del 2023.

 

Goldman Sachs ottimista sull’economia USA

L’ipotesi che l’economia americana eviti la recessione dando vigore alle azioni in Borsa è sostenuta anche da David Solomon, amministratore delegato di Goldman Sachs. “La possibilità di avere un atterraggio relativamente morbido è aumentata in modo molto significativo negli ultimi 12 mesi. Lo scenario è decisamente migliore” ha dichiarato in un’intervista.

Tuttavia Solomon ha anche avvertito che l’inflazione sarà probabilmente più persistente di quanto attualmente gli operatori di mercato si aspettano. Al riguardo, a suo giudizio, la Fed potrebbe sentire il bisogno di intraprendere ulteriori azioni per domare il carovita: “Bisogna riconoscere che la situazione è ancora molto incerta e che c’è ancora del lavoro da fare” ha affermato.

 

AUTORE

Picture of Johnny Zotti

Johnny Zotti

Laureato in economia, con specializzazione in finanza. Appassionato di mercati finanziari, svolge la professione di trader dal 2009 investendo su tutti gli strumenti finanziari. Scrive quotidianamente articoli di economia, politica e finanza.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *