Anche Wall Street teme il coronavirus: 2^ seduta di fila negativa
Cerca
Close this search box.

ANCHE WALL STREET TEME IL CORONAVIRUS. MERCATI GIU’

wall street

Seconda seduta di fila negativa per Wall Street. Trentennale americano ai minimi storici. Oro a ridosso dei 1.650 dollari l’oncia. Deludono le attese i dati inerenti al settore dei servizi e del manifatturiero

 

Non spaventa solo l’Italia, il coronavirus. Wall Street ha aperto in territorio negativo mentre l’Europa consolida le vendite e chiude in rosso. Inoltre, i dati macroeconomici Usa hanno accentuato le perdite dei mercati americani: l’attività nel settore dei servizi si è contratta a sorpresa a febbraio, mentre i Pmi del settore manifatturiero è ai minimi degli ultimi sei mesi. Dollaro in lieve calo, sia sul proprio indice di riferimento, sia nel cambio con euro e sterlina, che tentano un recupero dopo le forti perdite nelle ultime settimane. L’asset in rally resta l’oro, vicino ai 1.650 dollari l’oncia mentre sono in corso a Ryad i primi incontri e vertici relativi al G20, dove si parlerà anche di coronavirus, le cui vittime sono salite a 2.248.

 

EQUITY

Seconda seduta di fila in rosso per Wall Street e impulsi ribassisti per i tre principali indici. Il Dow Jones ha toccato i minimi dal 4 febbraio scorso scivolando sotto i 29.000 punti, con Microsoft e Nike che perdono oltre il 2%. L‘S&P 500 registra il record negativo delle ultime 8 sedute a quota 3.332. Il peggiore è quello tecnologico, per il Nasdaq un rosso dell’1,26% a quota 9.607, con Facebook, Amazon, Netflix, Google-parent Alphabet e Apple sotto almeno dell’1,2%. Il Vix, indice che misura la volatilità del mercato Usa, ha superato quota 18, quasi ai massimi di febbraio, per poi ritracciare sotto i 17 punti.

Dow Jones S&P500 Nasdaq


Grafico Dow Jones by TradingView

 

VALUTE

Perde qualche punto il dollaro sul Dollar Index. Alla vigilia aveva raggiunto quota 99,9. Nella seduta odierna perde lo 0,3% a quota 99,3. In ripresa l’euro, complici i Pmi del manifatturiero e del settore servizi sostanzialmente positivi. Anche la sterlina rimbalza dopo i minimi da novembre sempre della vigilia, così come anche lo yen, che si mantiene però nei valori della vigilia appena sotto quota 112.

Dollar Index 99,31 (-0,57%). Euro Dollaro 1,0855 (+0,66%). Dollaro Yen 111,74 (-0,3%)


Grafico Dollar Index by TradingView

 

MATERIE PRIME

Prende fiato il petrolio dopo aver guadagnato il 10% negli ultimi dieci giorni. Il Wti perde l’1,2% e si riporta in area 52 dollari al barile in linea dei timori sul coronavirus e dell’impatto che avrà sull’economia. Investitori nuovamente indirizzati sui beni rifugio e quindi grande performance dell’oro: nella seduta odierna il prezzo del metallo prezioso è già cresciuto di 30 dollari, dal minimo di 1.618 $ l’oncia a 1.649. Resiste a 2,60 dollari per libbra il rame. 


Grafico Gold by TradingView

 

TASSI D’INTERESSE

Minimi storici per il trentennale americano: 1,884%. Giù anche il decennale, sotto la soglia dell’1,5%. Il rendimento, dopo due ore di contrattazioni a Wall Street, è pari all’1,46%. Vicino ai minimi di inizio febbraio il treasury a 2 anni, scivolato fino all’1,31%.


Grafico Rendimento Bond trentennale Usa by TradingView

AUTORE

Picture of Redazione

Redazione

Composta da professionisti dell’informazione finanziaria di lungo corso, la redazione di Borsa&Finanza segue in modo trasversale i contenuti offerti dal portale. Oltre a seguire le news e le novità più importanti del panorama finanziario italiano e internazionale, il team dedica ampio spazio a realizzare guide e approfondimenti educational utili a migliorare le conoscenze degli investitori sia sul fronte della finanza personale che su quello degli investimenti, spiegando strutture, funzionamento, pregi e difetti dei diversi strumenti finanziari presenti sul mercato.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *