BoE: terzo aumento dei tassi d'interesse, cosa aspettarsi ora?
Cerca
Close this search box.

BoE: terzo aumento dei tassi d’interesse, cosa aspettarsi ora?

BoE: terzo aumento dei tassi d'interesse, cosa aspettarsi ora?

La Bank of England ha alzato i tassi d’interesse per la terza volta consecutiva di 25 punti base, portando il tasso ufficiale di sconto della BoE allo 0,75%. Sono stati 8 tra i 9 membri del Comitato di politica monetaria ad aver votato a favore della misura restrittiva. L’istituto centrale quindi rafforza la sua lotta nei confronti dell’inflazione, che in Gran Bretagna ha raggiunto il 5,5% nell’ultima rilevazione mensile, ai massimi degli ultimi 30 anni. I dati però si riferiscono a prima dello scoppio della guerra Russia-Ucraina, quindi nel frattempo i prezzi sono cresciuti ulteriormente per via della crisi energetica ancora più esacerbata.

Nel suo rapporto, la BoE ha sottolineato che nei prossimi mesi ci saranno ulteriori pressioni inflazionistiche, mentre la crescita delle economie che sono importatrici nette di energia è possibile che rallenti. Nel secondo trimestre del 2022 ora le previsioni sono di un indice dei prezzi al consumo all’8%, con il rischio di ulteriore ascesa nel corso dell’anno. Questo potrebbe richiedere nei prossimi mesi un “modesto inasprimento della politica monetaria”.

Nel messaggio quindi l’istituto guidato da Andrew Bailey ha adottato un tono leggermente accomodante, perché comunque vi è ferma la convinzione che il conflitto nell’Est Europa sia destinato a mantenere un’inflazione più alta a lungo, rischiando di impattare negativamente sull’economia. La sterlina è rimasta pressoché invariata nei confronti del dollaro USA a 1,3150 dopo l’annuncio, mentre ha perso terreno nei confronti dell’euro, con l’EUR/GBP salito a 0,8443.

 

 

BoE: il giudizio degli analisti sull’aumento dei tassi

La Bank of England quindi si mantiene aggressiva ma non forza troppo la mano, un po’ come stanno facendo le principali Banche centrali, che in questo periodo storico si trovano strette tra 2 fuochi: quello dell’inflazione che avanza sempre più minacciosa e quello della recessione alimentata dalla crisi energetica e dalle ricadute della guerra Russia-Ucraina.

Riuscire a trovare un equilibrio di politica monetaria non è la cosa più facile del mondo in questo momento, perché la coperta potrebbe essere molto corta. In altri termini, ogni aumento del costo del denaro dovrà essere pesato per verificare gli effetti sull’economia, al fine di evitare pericolosi avvitamenti e rapidi dietrofront nel caso in cui emergano aneliti di recessione.

Secondo Paul Craig, portfolio manager di Quilter Investors, un tasso d’inflazione a 2 cifre potrebbe essere una cosa possibile in base alle proiezioni della BoE, la quale non ha avuto altra scelta che aumentare i tassi d’interesse. Ora però, segnala l’esperto, Londra sta cercando di costruire una forma di assicurazione nel caso la crescita economica e l’occupazione rallentino al di là delle peggiori previsioni.

Craig sottolinea anche come la Bank of England potrebbe anche cambiare rotta in corso d’anno se la guerra Russia-Ucraina avrà un impatto economico significativo. Per ora tuttavia la Banca dovrà continuare nella sua politica di inasprimento anche per impedire che la sterlina perda ulteriore terreno, il che aggraverebbe la situazione per le famiglie britanniche in relazione al carovita.

Sostanzialmente d’accordo a tale analisi è Vivek Paul, Chief Investment Strategist presso BlackRock, che ha affermato come la guerra in Ucraina potrebbe rallentare lo slancio di un’economia che ha avuto un rimbalzo molto forte dalla pandemia. Ad ogni modo, secondo Paul, la normalizzazione dei tassi d’interesse e la fine degli stimoli monetari sono sensati in una situazione in cui il Paese non mostra di aver più bisogno del sostegno della sua Banca Centrale.

I mercati comunque si aspettano un percorso aggressivo sui tassi e, a suo giudizio, l’atteggiamento eccessivamente da falco da parte delle Banche centrali potrebbero essere un rischio, perché comunque richiede un pesante tributo alla crescita.

 

 

 

AUTORE

Redazione

Redazione

Composta da professionisti dell’informazione finanziaria di lungo corso, la redazione di Borsa&Finanza segue in modo trasversale i contenuti offerti dal portale. Oltre a seguire le news e le novità più importanti del panorama finanziario italiano e internazionale, il team dedica ampio spazio a realizzare guide e approfondimenti educational utili a migliorare le conoscenze degli investitori sia sul fronte della finanza personale che su quello degli investimenti, spiegando strutture, funzionamento, pregi e difetti dei diversi strumenti finanziari presenti sul mercato.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *