Corona svedese: in 22 mesi crollo del 20% sull'euro, ecco i motivi - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Corona svedese: in 22 mesi crollo del 20% sull’euro, ecco i motivi

Corona svedese: in 22 mesi crollo del 20% sull'euro, ecco i motivi

Dai minimi di novembre 2021 la corona svedese ha preso circa un quinto del suo valore nei confronti dell’euro e questo comincia a preoccupare i responsabili dell’economia svedese. La debolezza della valuta domestica ha fatto crescere le esportazioni del 6% nei 12 mesi fino a luglio, grazie alla maggiore competitività dei prodotti. Tuttavia, l’estrema volatilità rende difficile per gli esportatori effettuare una pianificazione del business. Sul fronte dell’import il potere di acquisto in territorio straniero dei commercianti svedesi è diminuito e i prodotti sono diventati più cari per effetto della svalutazione della moneta. Ciò genera inflazione importata dall’estero e costringe la Riksbank a mantenere i tassi d’interesse alti più a lungo per combattere l’aumento dei prezzi al consumo.

Il prossimo 21 settembre la Banca centrale di Svezia attuerà probabilmente un altro rialzo del costo del denaro al 4%, scelta che dovrebbe ripetersi a novembre quando potrebbe concludersi il ciclo di restrizione monetaria. Le famiglie e le imprese però sono in difficoltà di fronte ai maggiori  oneri sui prestiti contratti per consumo e investimento. “La Riksbank è tra l’incudine e il martello. Da un lato vuole abbassare l’inflazione, d’altra parte non vuole far crollare l’economia”, ha detto il capo economista di Nordea, Annika Winsth.

 

Corona svedese: 4 ragioni spiegano il crollo

Sul motivo per cui la corona svedese si sta indebolendo così tanto non c’è molta chiarezza, soprattutto se si guarda alla situazione economico-finanziaria della Svezia. Il Paese scandinavo è tra le economie più virtuose, con una crescita sostenuta, un debito pubblico tra i più bassi dell’Unione Europea e un settore bancario tra i più solidi e redditizi della regione.

E allora cosa sta succedendo? Secondo gli analisti, le ragioni potrebbero essere quattro. In primis “i mercati potrebbero ancora percepire che la Riksbank sia accomodante”, sostiene l’economista senior di SEB, Robert Bergqvist. Questo nonostante nell’ultimo anno e mezzo i tassi d’interesse siano saliti da zero al 3,75%, sostanzialmente in linea con la politica della Banca centrale europea. Un’altra ragione può derivare dal fatto che gli shock degli ultimi anni, quali il Covid-19 e la guerra Russia-Ucraina, abbiano spinto gli investitori verso le tradizionali valute rifugio, respingendo quelle più assoggettate a rischi di volatilità. In terzo luogo possono avere inciso le tensioni sull’ingresso della Svezia nella NATO, con la Turchia che si è messa di traverso per impedirne l’adesione. Infine, in Svezia preoccupa il settore immobiliare, a causa dell’aumento dei tassi d’interesse che ha fatto calare la domanda e del pesante indebitamento che mette a repentaglio la stabilità finanziaria della nazione.

 

Nuovo referendum per l’adesione della Svezia all’euro?

Come uscire da questa situazione? Qualcuno da tempo sta caldeggiando l’ingresso della Svezia nell’unione monetaria per adottare l’euro al posto della corona. Tuttavia, questa non è una strada facilmente percorribile. Vent’anni fa il popolo svedese bocciò con un referendum l’adozione dell’euro con il 55,9% dei voti e oggi la situazione non è molto diversa. La maggioranza degli svedesi ancora vuole rimanere con la corona. Questa settimana, un sondaggio Demoskop ha rivelato che il 42% della popolazione voterebbe “no” all’adesione all’euro se ci fosse un nuovo referendum, mentre il 34% sarebbe favorevole. La cosa più importante è che nessun grande partito sta spingendo per indire un altro voto popolare.

Nel frattempo, la Banca centrale svedese ha coperto la propria esposizione in valuta estera in previsione di un futuro rafforzamento della corona, che ritiene sottovalutata di circa il 20%. “Noi e molti altri siamo convinti che la corona si rafforzerà in qualche momento, ma vorremmo vederlo accadere presto piuttosto che a lungo termine”, ha detto Martin Floden, vicegovernatore della Riksbank.

AUTORE

Picture of Johnny Zotti

Johnny Zotti

Laureato in economia, con specializzazione in finanza. Appassionato di mercati finanziari, svolge la professione di trader dal 2009 investendo su tutti gli strumenti finanziari. Scrive quotidianamente articoli di economia, politica e finanza.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *