Debito pubblico: da chi è detenuto in Italia e in Europa - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Debito pubblico: da chi è detenuto in Italia e in Europa

Debito pubblico: da chi è detenuto in Italia e in Europa

Negli ultimi 25 anni il debito pubblico ha rappresentato un problema rilevante per i Paesi dell’Unione Europea. Le varie situazioni di crisi che si sono succedute a livello globale hanno messo sotto pressione i conti pubblici e costretto gli Stati membri a misure restrittive richiedendo a volte grossi sacrifici alle popolazioni.

Il caso più emblematico è quello relativo alla Grecia, rea di aver scatenato la crisi del debito sovrano nel 2011. Al riguardo, lo Stato ellenico è stato sottoposto per molti anni a un rigido controllo e anche all’interferenza sui conti pubblici da parte della Trojka (UE, FMI e BCE) finalizzati all’attuazione di un’operazione di salvataggio. L’Italia è quella tra i Paesi leader del blocco dei 27 ad avere il debito pubblico più elevato, con una quota di 2.387 miliardi di euro alla fine del 2023, corrispondente al 140,2% del PIL (dati del Ministero dell’Economia e delle Finanze).

 

Debito pubblico: come si è evoluto in Europa

L’Europa ha firmato il 2 marzo del 2012 le rigorose regole del Fiscal Compact, che prevedono tra l’altro l’obbligo per gli Stati membri di ridurre il rapporto debito pubblico/PIL di almeno un ventesimo all’anno per raggiungere il 60%, pena sanzioni. Il principio cardine della normativa è quello del pareggio di bilancio di ciascuno Stato, cioè l’equilibrio tra entrate e uscite. Le varie turbolenze accadute negli ultimi anni – dal Covid-19 agli shock energetici e inflazionistici – hanno messo in forte discussione il rispetto di tali regole, vanificando in diversi casi gli sforzi per raggiungere gli obiettivi.

In Italia ad esempio, nell’anno pandemico 2020 si è raggiunto il livello massimo di debito/PIL al 154,9%, il che ha fatto della terza potenza economica europea l’unico Paese ad aver mai superato la soglia del 150%. Nel 2007 invece il rapporto ha toccato il livello minimo del millennio al 103,9%, per poi crescere costantemente fino a stabilizzarsi tra il 2015 e il 2019 sopra il 130%, prima del disastro del Covid-19.

A differenza dell’Italia, la Germania si è distinta per virtuosità. La crisi dei debiti sovrani aveva spinto il debito tedesco oltre l’80% rispetto al PIL, ma lo stesso ha avuto una dinamica favorevole scivolando sotto la quota cruciale del 60% nel 2019 e rientrando quindi nei parametri europei. L’andamento del debito di Francia e Spagna invece è stato molto più simile a quello italiano. Parigi ha raggiunto un picco nei pressi del 120% in piena crisi pandemica, per attestarsi al 111,8% alla fine del 2022. La Spagna – che rientrava tra i Paesi più virtuosi nel 2007 con un debito/PIL di poco oltre il 30% – ha avuto un’impennata debitoria con la crisi del 2011, raggiungendo il picco di oltre il 100% nel 2014. Successivamente è il debito spagnolo è ritornato sotto la soglia del 100%, fino all’arrivo della pandemia che l’ha proiettato verso il 120%. A fine 2022, il debito pubblico della Spagna è simile a quello francese, ossia al 111,6% del PIL.

Nel seguente grafico vediamo una rappresentazione dell’andamento del debito/PIL dei quattro principali Paesi dell’Unione Europea citati nel ventennio 2002-2022 (dati Eurostat).

Come è composto l’indebitamento pubblico in Europa

I dati su esposti mettono in evidenza come tra le più grandi potenze europee, Italia, Francia e Spagna detengano ancora un indebitamento molto elevato rispetto alla crescita, ma soprattutto lontano dai livelli imposti dalle regole europee. Ma da chi è detenuto il debito in questi tre grandi Paesi?

Secondo quanto riportato dall’Eurostat, con riferimento a fine 2022, la maggior parte del debito pubblico è in mano a istituzioni finanziarie come banche e assicurazioni. Nello specifico, in Italia tale quota pesa per il 63,7%, in Spagna per il 58,8% e in Francia per il 51,2%. È importante rilevare come ci sia una certa differenza tra gli Stati nella componente posseduta da famiglie e istituzioni no profit. In Italia la quota risulta del 7,7%, in Spagna appena dello 0,2%, mentre in Francia è totalmente assente.

Le istituzioni non finanziarie sono proprietarie dell’1,8% del debito pubblico italiano, dell’1,5% di quello francese e dell’1,5% del debito spagnolo. In Italia è meno presente la componente estera nell’indebitamento della nazione. Infatti, il Resto del mondo detiene solo il 26,8% nel nostro Paese, a fronte del 47,3% della Francia e del 40,8% della Spagna.

AUTORE

Redazione

Redazione

Composta da professionisti dell’informazione finanziaria di lungo corso, la redazione di Borsa&Finanza segue in modo trasversale i contenuti offerti dal portale. Oltre a seguire le news e le novità più importanti del panorama finanziario italiano e internazionale, il team dedica ampio spazio a realizzare guide e approfondimenti educational utili a migliorare le conoscenze degli investitori sia sul fronte della finanza personale che su quello degli investimenti, spiegando strutture, funzionamento, pregi e difetti dei diversi strumenti finanziari presenti sul mercato.

ARTICOLI CORRELATI

Una risposta

  1. Excellent blog! Do you have any tips for aspiring writers?
    I’m planning to start my own site soon but I’m a little
    lost on everything. Would you recommend starting with a free platform like WordPress or go for a paid
    option? There are so many choices out there that I’m totally overwhelmed
    .. Any tips? Kudos!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *