Ecco le 10 società quotate più antiche del mondo - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Ecco le 10 società quotate più antiche del mondo

Ecco le 10 società quotate più antiche del mondo

Una delle convinzioni molto diffuse nel mondo degli investimenti è che comprare le azioni delle società più antiche del mondo alla lunga paghi, in quanto si tratta di aziende che hanno una grande storia alle spalle, spesso costellata da successi. Il motivo conduttore è il seguente: se sono durate fino ad oggi, magari con una posizione di leader nel mercato, non si vedono le ragioni per cui da questo momento dovrebbero andar male. In realtà le cose non stanno sempre così. Ci sono aziende che dopo una storia centenaria hanno abbandonato le scene con le più svariate motivazioni. Altre società, pur restando in vita, hanno attraversato periodi bui rischiano il default e il delisting dalla Borsa. Alcune si sono riprese, altre si sono eclissate viaggiando su livelli di molto inferiori rispetto ai fasti del passato.

 

 

Le società più antiche del mondo: ecco le top ten della Borsa

Ma quali sono le società più antiche del mondo quotate ancora in attività? Di seguito una lista delle prime 10. Da tener presente che alcune sono il risultato di fusioni recenti, ma la loro origine risale a molto tempo prima.

 

Banca MPS

La società più antica del mondo è la banca italiana MPS. Nata nel 1492 come Magistrature della Repubblica di Siena che la chiamano Monte di Pietà, la società aveva lo scopo di aiutare tutte le persone che vivevano in condizioni di miseria e criticità nella città di Siena. Nel 1995 con un decreto del Tesoro l’istituto di credito si è scissa in due entità distinte: da un lato la Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. che aveva ovviamente scopo di lucro e dall’altro la Fondazione Monte dei Paschi di Siena che deteneva la maggioranza delle azioni della S.p.A. e che aveva fine benefico, operando come ente no-profit. La banca si è quotata alla Borsa di Milano il 25 giugno 1999 con un’IPO che ha ottenuto una domanda superiore di 10 volte l’offerta. Negli anni però la società è caduta in un profondo buco nero, rischiando più volte il fallimento. Lo Stato, controllore della banca toscana, è intervenuto con ben sei aumenti di capitale dal 2008 al 2022 che hanno portato nelle casse della società 26 miliardi di dollari. MPS ha superato il momento critico e, grazie al piano industriale dell’amministratore delegato Luigi Lovaglio, ha tracciato il percorso per la rinascita. Contestualmente, il Tesoro sta uscendo gradualmente dal capitale della banca.

 

Intesa Sanpaolo

Al secondo posto un’altra banca italiana: Intesa Sanpaolo. In verità, l’istituto di credito è attivo dal 2007, con la fusione tra Banca Intesa S.p.A. e Sanpaolo IMI S.p.A. Le sue origini però risalgono al 1563, quando l’Istituto Bancario San Paolo di Torino venne fondato dalla Compagnia di San Paolo. Oggi l’azienda di credito torinese è la principale banca italiana per capitalizzazione e numero di sportelli. La sua quotazione a Piazza Affari è datata gennaio 1987.

 

Compagnie de Saint Gobain

Il podio è completato dal gruppo francese specializzato nella produzione di materiali per l’edilizia, Compagnie de Saint Gobain. La società è nata nel 1665, nell’ambito di un piano di rilancio economico voluto dal Re Sole Luigi XIV e dal politico ed economista Jean-Baptiste Colbert. Oggi è tra i primi 100 gruppi industriali a livello mondiale. La società si è quotata alla Borsa di Parigi nel gennaio del 1987.

 

Merck KGaA

In quarta posizione tra le società più antiche figura il colosso farmaceutico tedesco Merck KGaA, fondato nel 1668 come istituto privato e rimasto tale fino al 1995. Oggi l’azienda è pubblica, nonostante la famiglia Merck abbia ancora una quota rilevante delle azioni societarie. Alla Borsa di Francoforte, le azioni della società sono scambiate da giugno 2003.

 

Husqvarna

A metà classifica stazione Husqvarna, azienda svedese che produce e vende prodotti elettrici per esterni e per l’irrigazione, nonché attrezzature per la cura del prato. L’azienda è stata creata nel 1689 come fabbrica di armi e nel settore è stata attiva fino al 1989. La diversificazione del business è iniziata nel 1872 spaziando dalle macchine da cucire, agli elettrodomestici, alle biciclette, alle motociclette, alle attrezzature da giardino e alle motoseghe. Ogni segmento ha rappresentato una divisione specifica, con un particolare percorso. Il titolo Husqvarna è quotato alla Borsa di Stoccolma da giugno 2006.

 

Barclays

Il sesto posto è occupato dalla banca londinese Barclays. Le origini dell’istituto finanziario risalgono al 1690, grazie agli orefici e banchieri John Freame e Thomas Gould. La ragione sociale dell’azienda porta il nome Barclays dal 1736. Nell’attualità Barclays opera come banca internazionale. In particolare, in Europa offre servizi attraverso la controllata Barclays Bank Ireland dopo Brexit 2016. Le azioni hanno fatto il loro debutto alla Borsa di Londra a gennaio 1983.

 

Lloyd Banking Group

La settima società più antica del mondo è Lloyd Banking Group, una delle più grandi organizzazioni di servizi finanziari del Regno Unito. La sua fondazione è datata 1765 a Birmingham per opera del produttore di bottoni John Taylor e del produttore e commerciante di ferro Sampson Lloyd II. La società è presente alla Borsa di Londra da aprile 1987.

 

Bank of New York Mellon

Bank of New York Mellon è l’ottava società quotata più longeva del mondo. In realtà la banca statunitense è nata il 1° luglio 2007 dalla fusione tra The Bank of New York, fondata nel 1784, e Mellon Financial Corporation, nata nel 1869. Quindi prendiamo come riferimento ai fini della graduatoria l’anno 1869. La Bank of New York è stata la prima società a essere quotata alla Borsa di New York all’apertura nel 1792.

 

State Street Corporation

Ancora un istituto finanziario al nono posto: State Street Corporation. La società statunitense di servizi finanziari e bancari affonda le sue radici nel 1792 come Union Bank, diventata National Union Bank of Boston nel 1865. State Street Deposit & Trust Co. è nata nel 1891. Dalla fusione tra State Street e National Union avvenuta nel 1925 si è dato vita a State Street.

 

Cigna Group

A completare la classifica delle veterane di Borsa, Cigna Group, multinazionale statunitense specializzata nei settori della sanità e dell’assicurazione. L’azienda è il risultato di una fusione avvenuta nel 1982 tra la INA Corporation e Connecticut General Life Insurance Company. La prima è la società madre di Insurance Company of North America, la principale compagnia di assicurazioni azionarie in America costituita nel 1792. La seconda è nata nel 1865 per effetto di un atto speciale del governatore del Connecticut. La quotazione di Cigna Group a Wall Street è arrivata ad aprile del 1982.

 

AUTORE

Picture of Redazione

Redazione

Composta da professionisti dell’informazione finanziaria di lungo corso, la redazione di Borsa&Finanza segue in modo trasversale i contenuti offerti dal portale. Oltre a seguire le news e le novità più importanti del panorama finanziario italiano e internazionale, il team dedica ampio spazio a realizzare guide e approfondimenti educational utili a migliorare le conoscenze degli investitori sia sul fronte della finanza personale che su quello degli investimenti, spiegando strutture, funzionamento, pregi e difetti dei diversi strumenti finanziari presenti sul mercato.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *