Garantire il futuro dell'economia blu - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Garantire il futuro dell’economia blu

Garantire il futuro dell'economia blu

Il nostro pianeta è in gran parte “blu” per una ragione: ha un’abbondanza di acqua. Gli oceani sono un’enorme fonte di risorse e sono anche un campo di battaglia chiave nella lotta contro il cambiamento climatico. La sicurezza degli oceani richiede investimenti e azioni collettive da parte delle autorità politiche e di un’ampia gamma di parti interessate, compresi investitori e consumatori. Ognuno può fare la sua parte.Tutti noi ci affidiamo agli oceani per la mitigazione dei cambiamenti climatici: l’oceano assorbe il 90% dell’eccesso di riscaldamento derivante dalle attività umaneproduce il 50% dell’ossigeno sul nostro pianeta e sequestra il 30% delle emissioni globali di anidride carbonica. L’oceano è anche una fonte vitale di risorse. Fornisce sostentamento per milioni di persone e cibo per miliardi, oltre a minerali chiave, un’abbondanza di energia potenziale e gli ingredienti che creano farmaci salvavita.Ci sono, tuttavia, dei trend negativi contro cui l’oceano sta lottando. La temperatura media dell’oceano è salita a un record di 21,1 ° C nel marzo 2023 ed è rimasta alta per 42 giorni, sconcertando gli scienziati. L’eccesso di CO2 nell’atmosfera ha causato un aumento dell’acidità degli oceani del 30% negli ultimi  200 anni, più velocemente di qualsiasi cambiamento nella chimica degli oceani negli ultimi 50 milioni di anni. Ciò influisce sulla vita oceanica e sul suo ruolo di pozzo di carbonio.L’”accelerazione blu”  la rapida industrializzazione del nostro oceano dall’inizio del 21° secolo – minaccia anche la sua salute. Ad esempio, nei mari sono stati posati oltre un milione di chilometri di cavi in fibra ottica, costruite oltre 9.000 piattaforme petrolifere e creati decine di parchi eolici offshore.La politica internazionale, tuttavia, si sta evolvendo per proteggere le acque del mondo. Recentemente sono stati varati due provvedimenti che affrontano queste problematiche: il trattato delle Nazioni Unite sull’alto mare e il trattato delle Nazioni Unite sulla plastica. Il Trattato delle Nazioni Unite sull’alto mare, firmato nel marzo 2023, mira a ritenere i paesi responsabili delle loro azioni in alto mare. Ai sensi del trattato, possono essere create aree marine protette, le risorse genetiche condivise equamente e condotte valutazioni di impatto ambientale.Sono stati compiuti progressi anche verso un accordo vincolante per combattere i rifiuti di plastica. Un nuovo strumento mondiale che avrebbe forza legale e porrebbe fine all’inquinamento da plastica è attualmente in fase di negoziazione, con l’adozione prevista entro il 2025.Tuttavia è necessario fare molto di più per proteggere l’oceano. Lo sviluppo di un’economia blu sostenibile richiede un’attenzione particolare alla pesca e all’acquacoltura sostenibili piuttosto che alla pesca intensiva, alla protezione e alla promozione degli ecosistemi costieri che catturano il carbonio e alla valorizzazione delle risorse naturali e delle attrazioni turistiche.Per saperne di più

AUTORE

Picture of Redazione

Redazione

Composta da professionisti dell’informazione finanziaria di lungo corso, la redazione di Borsa&Finanza segue in modo trasversale i contenuti offerti dal portale. Oltre a seguire le news e le novità più importanti del panorama finanziario italiano e internazionale, il team dedica ampio spazio a realizzare guide e approfondimenti educational utili a migliorare le conoscenze degli investitori sia sul fronte della finanza personale che su quello degli investimenti, spiegando strutture, funzionamento, pregi e difetti dei diversi strumenti finanziari presenti sul mercato.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *