Goldman Sachs AM: 5 megatrend per il secondo semestre - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Goldman Sachs AM: 5 megatrend per il secondo semestre

Goldman Sachs Asset Management ha presentato ieri le sue previsioni di scenario per i mercati finanziari relative al secondo semestre dell’anno. Per la restante parte del 2024, secondo il Mid Year Outlook, sono quattro i temi rilevanti:

 

  • Un percorso più lungo verso la normalizzazione dell’inflazione e dei tassi di interesse
  • Lo scenario geopolitico e le elezioni
  • I megatrend

 

Mentre i primi due temi rappresentano la base su cui costruire lo scenario macroeconomico, i megatrend continuano a muoversi sullo sfondo e sono un’opportunità di investimento che può permettere di diversificare il portafoglio e renderlo resiliente ai rischi di scenario. A patto che, come hanno sottolineato gli analisti della casa di investimento statunitense, “non si resti intrappolati nei silos”, ovvero non ci si concentri su un solo tema.

 

I trend che salvano il portafoglio secondo Goldman Sachs

Goldman Sachs AM vede all’opera cinque forze strutturali chiave che trainano i megatrend degli investimenti. In molti casi sono in fase iniziale e quindi possono essere sfruttate con strategie attive:

 

  • Decarbonizzazione;
  • Digitalizzazione;
  • Deglobalizzazione;
  • Destabilizzazione geopolitica;
  • Invecchiamento demografico.

 

La spinta verso la decarbonizzazione non si è fermata, pur avendo subito il tema della sostenibilità una battuta d’arresto negli ultimi due anni e mezzo. La decarbonizzazione sta creando opportunità nel settore azionario, del reddito fisso e degli alternativi. Le tecnologie per l’energia pulita, infatti, continuano a progredire, grazie alla crescente accessibilità e alla maggiore efficienza dell’energia solare e delle batterie di accumulo.

La digitalizzazione e i progressi tecnologici, in particolare l’IA generativa, dovrebbero spingere le allocation di lungo periodo a causa del ritmo della disruption e delle potenziali opportunità di creazione di ricchezza. Le aziende dovrebbero concentrarsi sull’utilizzo dell’IA generativa per ottenere una vera e propria differenziazione dal punto di vista strategico, non solo per incrementare l’efficienza. ““L’IA generativa ha il potenziale per rappresentare lo sviluppo tecnologico più significativo degli ultimi decenni e la velocità con cui questa tecnologia continuo ad innovarsi è sempre in accelerazione. L’anno scorso i beneficiari di questa tecnologia si sono concentrati in un gruppo ristretto di titoli, ma è probabile che l’insieme delle opportunità di investimento sia destinato ad ampliarsi, creando nuovi vincitori e vinti” ha affermato Brook Dane, portfolio manager di Fundamental Equity.

La deglobalizzazione e la destabilizzazione stanno costringendo gli investitori a coniugare competenze macroeconomiche e geopolitiche con strategie oculate per comprendere le profonde interdipendenze tra questi megatrend e le loro implicazioni per gli investimenti.

Il fenomeno dell’invecchiamento demografico sta influenzando i risultati economici e sociali, plasmando le politiche pubbliche e le relative decisioni in materia di spesa, inflazione e investimenti nel settore privato nel lungo periodo.

 

Il lungo percorso verso la normalizzazione

Nel contesto macroeconomico, le aspettative di un taglio dei tassi negli Stati Uniti sono state ripetutamente rinviate a causa delle pressioni inflazionistiche. Ashish Shah, Chief Investment Officer of Public Investing di Goldman Sachs Asset Management, ha sottolineato come questo scenario abbia creato un contesto complesso per la gestione dei portafogli a reddito fisso. Negli Stati Uniti, la tenuta dell’economia, degli utili societari e dei mercati del lavoro ha coinciso con sorprese al rialzo relative all’inflazione, aumentando le attese di un prolungato periodo di tassi di interesse elevati.

In Europa, la Banca Centrale Europea (BCE) ha tagliato i tassi di interesse a giugno, sostenuta dai progressi dell’inflazione. Tuttavia, i tagli dei tassi saranno graduali e rimane cruciale monitorare l’andamento dei salari e dell’inflazione nei servizi. La Bank of England (BoE) nel Regno Unito potrebbe allentare la politica monetaria quest’estate, in assenza di significative sorprese al rialzo nei dati. In Giappone, si prevedono ulteriori rialzi dei tassi, seppur limitati, con aspettative di inflazione a lungo termine verso livelli più sostenibili.

Nei mercati emergenti, i cicli di allentamento monetario sono in corso da quasi un anno, con la disinflazione che ha permesso un inizio anticipato dell’allentamento monetario. Tuttavia, i cicli di riduzione dei tassi di interesse sono diventati più sensibili alle mutevoli aspettative sui tassi statunitensi e al sentiment legato alle elezioni nei paesi emergenti.

 

Geopolitica ancora al centro dell’attenzione

La frammentazione geopolitica e la potenziale escalation dei conflitti in Medio Oriente e in Ucraina rappresentano dei rischi significativi. Le elezioni statunitensi aggiungono ulteriore incertezza, sottolineando la necessità di portafogli equilibrati e di strategie di hedging. Steve Barry, Global Head of Fundamental Equity, ha affermato che gli investitori dovrebbero evitare di cercare di anticipare i mercati basandosi su esiti politici binari. Gli hedge fund che sfruttano la dispersion tra asset class, settori e regioni stanno registrando buone performance, con opportunità nei mercati emergenti che offrono diversificazione e generazione di alpha.

AUTORE

Picture of Redazione

Redazione

Composta da professionisti dell’informazione finanziaria di lungo corso, la redazione di Borsa&Finanza segue in modo trasversale i contenuti offerti dal portale. Oltre a seguire le news e le novità più importanti del panorama finanziario italiano e internazionale, il team dedica ampio spazio a realizzare guide e approfondimenti educational utili a migliorare le conoscenze degli investitori sia sul fronte della finanza personale che su quello degli investimenti, spiegando strutture, funzionamento, pregi e difetti dei diversi strumenti finanziari presenti sul mercato.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *