ITALIA ED EUROPA, L'INFLAZIONE E' FERMA - Borsa e Finanza

ITALIA ED EUROPA, L’INFLAZIONE E’ FERMA

Stesso aumento di maggio: +0,8%. Per trovare un valore più basso nell’ultimo anno occorre risalire al mese di aprile del 2018, quando la crescita era stata dello 0,5%. L’Istat lo ribadisce: in Italia l’inflazione resta bassa (+0,2% su base mensile), in linea con l’Eurozona, dove il dato è stabile rispetto a maggio: +1,2% su base annuale.

AUMENTA IL COSTO PER LA CURA DELLA PERSONA
Nel dettaglio, aumentano i prezzi dei servizi ricreativi, culturali e per la cura della persona (+1,3% annuo, il dato precedente era 1%), in calo le comunicazioni (da -7,2% a -5,9%). Stabile il carrello della spesa, confermato il +0,3%  per i beni alimentari, la cura della casa e della persona. Discorso a parte meritano i beni energetici non regolamentati come i carburanti. La flessione è netta: da +2,4% a -0,6%. Spiega l’Istat: “Una tendenza legata in larga parte al confronto con giugno 2018. Allora i prezzi dei combustibili erano cresciuti in maniera marcata rispetto a maggio. A giugno 2019, al contrario, sono diminuiti notevolmente rispetto al mese precedente”.

SERIE STORICA
Il tasso di inflazione in Italia, dal 1962 al 2019, ha una media del 5,98%. Massimo assoluto nel novembre 1974: 25,64%. Per il minimo storico occorre andare indietro di quattro anni circa: -0,6% a gennaio 2015.

INFLAZIONE NELL’EUROZONA
Come detto, i dati dei prezzi al consumo sono stati pubblicati anche per quanto riguarda l’Eurozona. E anche in questo caso il dato è stabile rispetto a maggio, con tasso annuale all’1,2%. Come per l’Italia, è il più basso da aprile 2018. Determinante in questo senso il rallentamento del costo dell’energia. Alimentari, alcol e tabacco, energia e servizi misurano l’1,6%. Il tasso annuale dei beni industriali non energetici è atteso allo 0,2%. La media del tasso di inflazione nella zona Euro è del 2% (tra il 1991 e il 2019). Massimo storico luglio 1991: +5%. Per il minimo si torna indietro di dieci anni: -0,6% a luglio 2009.

MOVIMENTI DI MERCATO
I dati sugli indici d’inflazione in italia e in Eurozona, uniti a quelli della Francia, pubblicati stamattina alle 8 (1,2% su base annuale, a maggio +0,9% e +0,2% su base mensile, superiore allo 0% atteso, i dati sono preliminari) hanno contribuito alla leggera risalita da parte dell’euro sul dollaro, in mattinata di nuovo vicino a quota 1,14.

AUTORE

ARTICOLI CORRELATI

NAVIGAZIONE ARTICOLI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

VIDEO

La seconda puntata della nuova settimana di Investv, format realizzato da Vontobel Certificati che vede sfidarsi ogni giorno due squadre di trader capitanate da Riccardo