Lending crowdfunding: le 5 piattaforme più importanti - Borsa&Finanza

Lending crowdfunding: le 5 piattaforme più importanti

Un giovane manager di una start-up

Nel lending crowdfunding quali sono le piattaforme più importanti in Italia? Se il crowdinvesting immobiliare è il segmento che sta vivendo la maggiore espansione, il finanziamento di privati, imprese e start-up in cerca di fondi a fronte del pagamento di un interesse e del rimborso del capitale è un settore che ha ancora ampi margini di crescita. Il totale cumulato dalle raccolte nel tempo raggiunge la cifra di 213,58 milioni di euro.

 

Lending crowdfunding: le piattaforme più importanti

Nel primo semestre del 2023, in Italia risultano attivi quattro portali specifici per finanziare persone fisiche (consumer), dieci generalisti per finanziare imprese (business) e 17 specializzate nel real estate. Con l’uscita di scena di Smartika (in seguito alla fusione per incorporazione in Banca Sella) e l’acquisizione di Soisy da parte di Compass di Mediobanca, ecco le cinque piattaforme più importanti leader nel lending crowdfunding non immobiliare.

 

Crowdlender

Nell’ecosistema di Opstart, la Fintech hub bergamasca cha ha lanciato la prima community italiana di equity crowdfunding per investimenti innovativi e sostenibili, è presente Crowdlender, la divisione che permette agli investitori privati di finanziare in maniera diretta e disintermediata le aziende scelte dal team con i partner di EasyFintech. Autorizzato da Banca di Francia e agente di pagamento di Lemonway, Crowdlender ha raccolto quasi 9 milioni di euro in progetti che spaziano da recupero e riqualificazione di patrimoni immobiliari a realizzazioni di colture e mezzi di trasposto eco-sostenibili.

 

Re-Lender

Re-Lender è la piattaforma di lending crowdfunding business che complessivamente ha raccolto nel segmento il maggior numero di fondi: quasi 38 milioni di euro con oltre 140 progetti finanziati. La caratteristica principale di Re-Lender, fondata a Milano da Francesco Marella e anche con una sede a Madrid, è il cosiddetto reconversion crowdfunding: la riconversione industriale, ecologica, immobiliare e tecnologica, con zero commissioni e rendimenti mensili. I flussi di denaro, a partire da 50 euro, sono gestiti dalla spagnola payArea, autorizzata alla prestazione dei servizi di pagamento in Italia in regime di passaporto europeo.

 

October

Fondata da Olivier Goy e Patrick de Nonneville e attiva in Italia dal 2017, la francese October è una piattaforma paneuropea: le sedi sono sparse tra Parigi, Madrid, Milano, Amsterdam e Monaco. Il piano di finanziamenti per le PMI è variegato: il 51% dell’importo dei prestiti offerti è coperto dagli investitori professionali, il restante 49% è a disposizione dei prestatori privati sul web. Se l’importo complessivo non è sottoscritto dai privati, competano il finanziamento i fondi Eltif francesi October SME IV e October SME V. In questi fondi (che generano la liquidità primaria) hanno investito FEI (Fondo europeo per gli investimenti), CDP (Cassa Depositi e Prestiti) e Finlombarda.

 

Younited Credit

La piattaforma francese Younited è una delle più importanti nel segmento consumer. Fondato nel 2009 da Charles Egly, Geoffroy Guigou e Thomas Beylot e presente in Francia, Italia, Spagna, Portogallo e Germania, il portale ha raggiunto un volume d’affari annuale di 2 miliardi di euro, con una crescita nel 2022 del 71%. Younited è un vero e proprio marketplace online del credito istantaneo: il cliente (anche Partita IVA) ottiene il prestito in poco tempo con un tasso fisso e senza costi nascosti. La società ha ottenuto il sostegno di importanti azionisti come Eurazeo, Crédit Mutuel Arkéa e Schibsted e ha chiuso accordi con Euronics ed Apple per il servizio Back to New (il pagamento pay-per-use a piccole rate di dispositivi e device) e con Citi per sottoscrivere titoli cartolarizzati originali dalla piattaforma in Italia.

 

Prestiamoci

Sempre tra le piattaforme consumer, Prestiamoci si conferma in continua ascesa: è la prima in Italia per clienti (quasi 8.000) e per finanziamenti erogati, oltre 70 milioni di euro. Nato nel 2009 ad Ivrea dalla Agata S.p.A. di Mariano Carozzi, Paolo Galvani e Giovanni Tarditi e rifondato nel 2013 da Carozzi con i nuovi azionisti di Digital Magics  e un rinnovato management guidato da Daniele Loro, il portale ha concesso 723 prestiti nel primo semestre del 2023 per una cifra di 10 milioni. Le soluzioni sono offerte a professionisti, Partite IVA e imprenditori individuali. Il peer-to-peer lending di Prestiamoci ha un flusso in aumento così costante che la società e l’istituto di pagamento controllato Pitupay sono stati acquisiti da Banca Valsabbina, “un partner ideale per supportare l’azienda in questa fase di mercato”, come ha dichiarato Loro.

In aggiunta a queste cinque piattaforme, vanno segnalate MotusQuo (il portale di social lending tra privati controllato da Teda Merchant e dai fondatori Janine Bader, Maurizio Fiorelli, Remigio Fiorelli e Giorgio Martelli), Opyn (il primo operatore di lending crowdfunding in Italia, fondato nel 2012 da Antonio Lafiosca e Ivan Pellegrini, ha avuto un boom di crescita nel 2022 con +92% di prestiti alle imprese per 752 milioni e ricavi raddoppiati), Ener2Crowd (la piattaforma di Niccolò Sovico, Sergio Pedolazzi e Giorgio Mottironi specializzata in progetti energetici e green e investimenti sostenibili, con quasi 10 milioni di euro raccolti nell’ultimo semestre e un’operatività avviata anche in Spagna) ed EvenFi, il servizio di “investimenti per l’economia reale” fornito da Criptalia che opera anche in Spagna e utilizza blockchain pubbliche e token digitali per rendere gli investimenti sicuri e sempre disponibili.

AUTORE

Alessandro Zoppo

Alessandro Zoppo

Ascolta musica e guarda cinema da quando aveva 6 anni. Orgogliosamente sannita ma romano d'adozione, Alessandro scrive per siti web e riviste occupandosi di cultura, economia, finanza, politica e sport. Impegnato anche in festival e rassegne di cinema, Alessandro è tra gli autori di Borsa&Finanza da aprile 2022 dove si occupa prevalentemente di temi legati alla finanza personale, al Fintech e alla tecnologia.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *