Valute: Pictet punta sullo yuan, ecco perché - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Valute: Pictet punta sullo yuan, ecco perché

Valute: Pictet punta sullo yuan, ecco perché

Pictet Asset Management SA punta sullo yuan. Secondo il gestore patrimoniale, la valuta cinese potrebbe guadagnare fino al 5,5% sul dollaro USA entro la fine del 2023 sulla scia del rafforzamento dell’economia cinese e della fine del rialzo dei tassi d’interesse da parte della Federal Reserve. Sabrina Jacobs, senior client portfolio manager di Pictet, ha riferito che l’asset manager è “short verso il dollaro e acquisterà più yuan se il cambio l’USD/CNY salirà fino a quota  7“. Attualmente il cambio staziona intorno a 6,87 e Jacobs ha un obiettivo a 6,5.

A giocare a favore dello yuan, a giudizio dell’esperta, contribuisce il fatto che la valuta onshore sia in ritardo rispetto alle altre valute dei mercati emergenti asiatiche in termini di rendimento, in quanto gli investitori sono in attesa dei dati che confermino un rimbalzo economico pronunciato dell’economia cinese. Già il mese scorso si sono avute alcune importanti indicazioni, con l’espansione del credito e il livello dell’export che ha superato le stime degli analisti.

Allo stesso tempo, il dollaro USA sta attraversando un periodo di rallentamento che potrebbe durare parecchio. Jacobs rileva che sul biglietto verde potrebbe pesare il mutamento di politica monetaria della Bank of Japan che potrebbe seguire il cambio di guida (Ueda al posto di Kuroda”. Una maggiore restrizione monetaria e una minore rigidità nel controllo della curva dei rendimenti potrebbero “scatenare un’ondata di vendite” nei confronti della valuta statunitense, a vantaggio dello yen. Secondo il manager di Pictet, “la forza dello yen giapponese potrebbe anche riversarsi sul mercato valutario cinese, rafforzando ulteriormente lo yuan”.

 

Yuan: l’economia cinese in ripresa rappresenterà la sua forza

La People’s Bank of China ad aprile ha iniettato nel sistema bancario 170 miliardi di yuan, pari a circa 25 miliardi di dollari. È il più basso livello di liquidità a medio termine immessa sul mercato dal mese di novembre, segno che i funzionari dell’autorità monetaria stanno raccogliendo i frutti delle misure passate di allentamento visto che la ripresa economica sembra essere sulla buona strada. Nel contempo il tasso d’interesse è rimasto invariato al 2,75%. A marzo la Banca centrale cinese aveva tagliato il coefficiente di riserva bancaria e fornito liquidità per sostenere la crescita dell’economia, dopo un periodo lungo in cui le attività produttive erano rimaste bloccate a causa delle chiusure Covid-19.

Il governatore della PBoC Yi Gang ha parlato di rimbalzo economico del paese in occasione della riunione del G-20 della scorsa settimana, sottolineando come il mercato immobiliare potrebbe essere fondamentale per il raggiungimento dell’obiettivo di crescita del 5% nel 2023. Un’economia in ripresa sta alla base del sostegno allo yuan, ribadisce Pictet. Il suo giudizio si confronta con quello degli analisti intervistati da Bloomberg, che vedono il cambio USD/CNY a 6,7 quest’anno.

AUTORE

Picture of Johnny Zotti

Johnny Zotti

Laureato in economia, con specializzazione in finanza. Appassionato di mercati finanziari, svolge la professione di trader dal 2009 investendo su tutti gli strumenti finanziari. Scrive quotidianamente articoli di economia, politica e finanza.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *