Piazza Affari snobba le elezioni, mentre lo spread scende a 140 punti base

PIAZZA AFFARI SNOBBA ELEZIONI, MA LO SPREAD SCENDE A 140

piazza affari

Piazza Affari indebolita dall’allarme mondiale per il coronavirus, mentre lo spread si contrae, confortato dal risultato elettorale. Spiccano Poste e Italgas

Il risultato delle regionali in Emilia Romagna e Calabria regalano un profondo ribasso al titolo decennale italiano, con il rendimento che scivola a 1,05 per cento (-13,81) portandosi ai livelli dello scorso novembre. Lo spread tra il btp italiano e il bund tedesco va a 140 punti base, testando anche qui i livelli di novembre 2019. Pone l’accento sul futuro dell’alleanza Pd-M5S, Raffaella Tenconi, ADA Economics, che nell’approfondimento dedicato all’Italia ha scritto: “Le elezioni sono più probabili nel 2021 rispetto a quest’anno. È difficile dire se il Governo riuscirà a concludere molto nel prossimo anno: il PD vorrà accelerare per consolidare il suo vantaggio, mentre il M5S, specialmente senza la guida politica di Di Maio, potrebbe non collaborare”.

btp bund

Grafico spread btpbund by TradingView

Il Ftse Mib non festeggia i risultati elettorali e prende tempo per capire l’impatto che avranno sulla maggioranza di Governo, vero enigma della giornata. Piazza Affari apre a 23.713 e, dopo un’ora di contrattazione, recupera portandosi a 23.850, rimanendo però in flessione di oltre mezzo punto percentuale. L’indice principale sconta la negatività che si è abbattuta sulle Borse mondiali, in seguito anche all’aumento di casi di infezione del coronavirus. Gli altri indici europei sono intonati al ribasso, complice anche la contrazione dell’indice Ifo tedesco.

ftsemib

Grafico Ftse Mib by TradingView

Debole anche l’euro che nel cambio contro il dollaro americano rimane a 1,1019, in frazionale ribasso. Questa settimana ci sarà la riunione della Federal Reserve e ci si aspetta più volatilità sul cambio, soprattutto in relazione alle parole che pronuncerà Jerome Powell.

eurusd

Grafico eur/usd by TradingView

TITOLI PEGGIORI

A spingere in ribasso le contrattazioni, soprattutto i titoli industriali che temono per le esportazioni e i titoli del lusso, settore particolarmente colpito dall’emergenza del coronavirus. CNH Industrial lascia sul terreno il 3,15 per cento, portandosi a 9,27 euro, soffre Moncler a 39,45 (-3,06 per cento) nonostante la stagionalità positiva per il produttore di piumini di lusso, così come Salvatore Ferragamo (17,03 -2,49 per cento) e Juventus, la cui sconfitta con il Napoli gli costa -2,29 per cento in Borsa.

cnh

Grafico CNH Industrial by TradingView

TITOLI MIGLIORI

In controtendenza i titoli non orientati all’export, come Poste Italiane che guadagna 1,50 per cento (10,76 euro), Italgas a 5,90 (+1,69 per cento) e alcuni titoli bancari come Ubi Banca (+0,75 per cento a 2,80) e Banco Bpm (+0,72 per cento a 1,96 euro).

poste

Grafico Poste Italiane by TradingView

AUTORE

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.