Outlook 2022: per Europa e Regno Unito prospettive diverse

Outlook 2022: per Europa e Regno Unito prospettive diverse

Outlook 2022: per Europa e Regno Unito prospettive diverse

Cosa attendersi dell’economia europea per il nuovo anno? Qual è l’outlook 2022 degli esperti? Vediamo insieme il punto di vista di Nomura

Europa e Regno Unito stanno viaggiando su 2 piani non proprio identici dal punto di vista economico in questo primo scorcio del 2022. E lo si vede dal diverso atteggiamento che hanno le rispettive Banche centrali rispetto alla situazione del Paese e in particolar modo riguardo l’inflazione.

La BCE ha annunciato il termine del Piano di acquisti pandemico a marzo di quest’anno, in concomitanza però con l’aumento dell’Asset Purchase Program da 20 a 40 miliardi di euro al mese a partire da aprile. Quest’ultimo dovrebbe poi tornare a 20 miliardi entro l’ultimo trimestre dell’anno. Ciò significa che l’istituto centrale risulta ancora preoccupato per la ripresa economica, seriamente minacciata adesso dalle possibili restrizioni dovute alla variante Omicron del Covid-19.

L’inflazione nell’Eurozona ha raggiunto quota 5%, ma con una crescita appena dello 0,1% rispetto a 2 mesi fa, il che spinge l’Eurotower a non considerarla un fenomeno allarmante in ottica di restringimento della sua politica monetaria. La Bank of England invece ha già aumentato di 15 punti base i tassi d’interesse, proprio per arginare una crescita molto rapida dei prezzi al consumo in Gran Bretagna indotta soprattutto dalla crisi energetica. E sicuramente darà avvio quest’anno a una serie di altri aumenti dei tassi, in funzione di come sarà anche l’andamento dell’economia.

 

Nomura: tassi fermi in Europa fino al 2023

Gli analisti di Nomura non si aspettano un calo dell’inflazione nell’Eurozona, mentre nel Regno Unito le attese sono per un balzo del carovita al 6% in primavera e una discesa al 5,1% verso la fine dell’anno. Il problema per gli esperti della banca d’affari giapponese sta nella crescita che in Europa dovrebbe rallentare in questi primi 3 mesi del 2022 per effetto delle restrizioni pandemiche, mentre in Gran Bretagna le limitazioni dovrebbero essere di meno consentendo all’economia di fare il suo corso.

Per questa ragione, Nomura stima che l’istituto guidato da Christine Lagarde alzerà il tasso ufficiale di sconto nei primi 6 mesi del 2023, quando dovrebbe terminare l’APP. Viceversa la Banca d’Inghilterra effettuerà un aumento dei tassi di un quarto di punto a febbraio, maggio e settembre 2022, nonché a febbraio e agosto 2023, con il costo del denaro che alla fine arriverà all’1,5%.

Outlook 2022: dati macro contrastanti in Europa e UK

Nel tracciare il suo outlook sul 2022, Nomura rileva come a Bruxelles e Londra vi siano sostanzialmente dati macroeconomici contrastanti. In Europa infatti la produzione industriale tedesca e francese ha deluso le attese, con la Germania che perde terreno a causa della sua dipendenza stretta dal settore automobilistico, messo in crisi dalla catena degli approvvigionamenti. Meglio invece i dati sugli ordini e sulle vendite al dettaglio a Berlino e Parigi, così come in tutta l’Eurozona.

In Gran Bretagna vi è stato un crollo nel settore delle auto lo scorso anno, facendo registrare un -29% rispetto al 2019. La buona notizia è che le vendite delle auto elettriche sono riuscite a compensare il netto ribasso di quelle dei veicoli a benzina e diesel. Interessante invece si mantiene il mercato immobiliare, con le prospettive di vendita delle case che sono al livello più alto degli ultimi 6 mesi, il che contribuisce a far crescere rapidamente i prezzi. In ottica inflazionistica però questo non sarebbe esattamente un dato per cui esaltarsi.

 

Laureato in economia, con specializzazione in finanza. Appassionato di mercati finanziari, svolge la professione di trader dal 2009 investendo su tutti gli strumenti finanziari. Scrive quotidianamente articoli di economia, politica e finanza.

Post correlati

Dove investire? Guardare a cosa successe negli anni ’70

USA: stagflazione scenario base, ecco perché

Google a rischio fallimento, ecco perché

Twitter: Musk la utilizza per capitalizzare i propri investimenti

Private equity: in arrivo repressione Antitrust USA