Dollaro USA: per hedge fund a fine corsa, ecco dove puntano ora - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Dollaro USA: per hedge fund a fine corsa, ecco dove puntano ora

Dollaro USA: gli investitori vendono, ecco su quali valute stanno puntando

Il dollaro USA potrebbe essere al capolinea. Gli investitori sembrano non credere più a un ulteriore rafforzamento del biglietto verde e hanno ripreso a vendere massicciamente dopo i dati sull’inflazione americana. L’indice dei prezzi al consumo del mese di giugno è sceso al 3% dal 4% di maggio, superando le attese che lo vedevano al 3,1%. Manca poco perché il costo della vita si allinei a quelli che sono gli obiettivi di lungo termine della Federal Reserve, che vuole un indice al 2,5%.

Tutto ciò significa che la Banca centrale potrebbe essere davvero giunta alla fine o quasi del suo ciclo di rialzo dei tassi d’interesse partito a marzo dello scorso anno. La prossima riunione del 25-26 luglio sarà quanto mai importante, perché ora le aspettative sono che la Fed abbandonerà l’approccio da falco dopo aver minacciato una ripresa delle strette a seguito della pausa di giugno. L’istituto monetario guidato da Jerome Powell potrebbe anche effettuare un altro ritocco da un quarto di punto, ma il mercato non si aspetta che vada oltre successivamente.

Giocoforza, il dollaro USA non ha più lo stesso appeal di prima, in quanto risulta essere meno redditizio con il calo dei rendimenti. “Molto dipende da ciò che sentiremo dal FOMC tra un paio di settimane – che deciderà molto il destino del dollaro USA e darà il tono per il resto dell’estate”, ha affermato Fiona Cincotta, strategist dei mercati del City Index. “Se ci sarà qualche accenno di accomodamento nella Fed, allora gli orsi del dollaro avranno la scusa per continuare a trascinare la valuta in basso”, ha aggiunto.

 

Valute: con il dollaro USA in declino, ecco quali comprare

Gli investitori guardano quindi ad altre divise, che al momento sembrano più attraenti. Una di queste è l’euro, che è salito fino a quasi 1,12 sul dollaro a seguito dei dati sull’inflazione USA. Il punto di forza della moneta unica in relazione al biglietto verde è che la Banca Centrale Europea non sembra minimamente intenzionata a mollare la presa nella lotta all’inflazione e quasi sicuramente effettuerà altri rialzi del costo del denaro nelle prossime riunioni. Si potrebbe insomma determinare una sorta di divergenza di politica monetaria tra BCE e Fed nei prossimi mesi che avvantaggerebbe l’euro, penalizzando il dollaro. “La diffusione dei dati sull’inflazione statunitense è l’ultima prova che stavamo aspettando per raccomandare di andare di nuovo lunghi su EUR/USD. Puntiamo a 1,15 che è la nostra previsione di fine anno, ma come abbiamo sostenuto in precedenza, vediamo un intervallo di 1,15-1,20 entro la fine del 2023 come del tutto possibile”, ha affermato George Saravelos, co-responsabile globale della ricerca FX di Deutsche Bank.

Un’altra valuta che potrebbe guadagnare molte posizioni sul dollaro USA è la sterlina britannica. Il cross GBP/USD ha rotto quota 1,30 per la prima volta da aprile 2022 ed è destinato al suo sesto giorno consecutivo di rialzi. I trader stanno comprando la moneta britannica perché l’inflazione nel Regno Unito stenta a raffreddarsi, costringendo la Bank of England a passare alle maniere forti per ridurre i prezzi al consumo. Nell’ultimo meeting la Banca centrale ha alzato i tassi di mezzo punto percentuale, oltre le attese di un quarto di punto, e potrebbe proseguire con questo ritmo nei prossimi incontri. Anche perché i dati di oggi mostrano come l’economia britannica a maggio si sia ridotta meno del previsto e quindi, in caso di aumento dei tassi, vi sarebbe meno rischio di un impatto disastroso sulla crescita.

Anche lo yen è visto emergere al cospetto del dollaro americano. Recentemente l’USD/JPY si era riportato a 145, livello tale per cui il governo giapponese può intervenire direttamente sul mercato monetario per rafforzare la valuta domestica, esattamente come fece a settembre e ottobre dello scorso anno. Il pericolo però è stato scongiurato perché negli ultimi giorni il cambio è precipitato fino a sotto 139. Gli investitori si aspettano che la Bank of Japan invertirà la sua politica monetaria ultra-accomodante allentando il controllo della curva dei rendimenti. Ciò inevitabilmente andrebbe a vantaggio dello yen, che è ancora l’unica valuta che ha rendimenti negativi. Jim Leaviss, Chief Investment Officer of Public Fixed Income di M&G Investments sta vendendo dollari e comprando yen. “Ci sono molte opportunità valutarie là fuori al momento”, ha affermato.

AUTORE

Picture of Johnny Zotti

Johnny Zotti

Laureato in economia, con specializzazione in finanza. Appassionato di mercati finanziari, svolge la professione di trader dal 2009 investendo su tutti gli strumenti finanziari. Scrive quotidianamente articoli di economia, politica e finanza.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *