Wall Street: Goldman Sachs, il rally continuerà fino a questa estate - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Wall Street: Goldman Sachs, il rally continuerà fino a questa estate

Wall Street: Goldman Sachs, il rally continuerà fino a questa estate

Wall Street ha aggiornato il record storico nella seduta di metà settimana. Con un balzo dell’1,18% l’indice S&P500 è arrivato a 5.354 punti, mentre il Nasdaq Composite ha raggiunto quota 17.186 grazie a un guadagno dell’1,95%. Da inizio anno i due più importanti benchmark della Borsa americana hanno realizzato una performance rispettivamente del 12,25% e del 14,5%. Numeri importanti che riflettono la forza dell’economia americana, le aspettative che la Federal Reserve tagli i tassi di interesse, ma soprattutto la straordinaria potenza delle big tech che rappresentano la maggior parte dei guadagni di Wall Street. Quest’anno circa il 60% del rendimento dell’S&P 500 è da attribuire al peso di cinque società: Nvidia, Microsoft, Meta Platforms, Alphabet e Amazon. In particolare Nvidia ha suonato la carica, diventando ieri la seconda società più capitalizzata del mondo a scapito di Apple, dopo aver oltrepassato per la prima volta la soglia di 3.000 miliardi di dollari di valore di mercato.

 

Wall Street: esiste un rischio concentrazione?

Le grandi aziende tecnologiche sono in stato di grazia: producono grandi fatturati e utili, hanno una posizione dominante sul mercato in più di un settore e sono le principali protagoniste dell’intelligenza artificiale. Fino a quando questa forza non si esaurirà, probabilmente continueranno a guidare il rally di Wall Street. Il punto è se ciò possa avere un rovescio della medaglia pericoloso. In altri termini, cosa succederebbe se un titolo come Nvidia dovesse svoltare? Quest’anno le azioni del più grande progettista di chip al mondo hanno già fatto una corsa del 147%, essenzialmente perché l’azienda ha continuato a sorprendere in positivo nel rilascio dei conti trimestrali e non solo. Se però dovesse rallentare, l’indice S&P 500 potrebbe risentirne. E lo stesso vale per tutte le altre big tech. “Nvidia sta supportando il rally di Wall Street” ha detto Michael O’Rourke, chief market strategist di JonesTrading. “Questo è un rischio perché se arriva una correzione su Nvidia si sentirà sul mercato”. Anche Angelo Kourkafas, senior investment strategist di Edward Jones, lancia un monito: “Se questi nomi (i 5 sopra citati ndr) smettono di funzionare bene e non vediamo il resto del mercato fornire supporto alle quotazioni, ciò potrebbe potenzialmente essere una fonte di vulnerabilità”.

Tuttavia, gli investitori sono convinti che l’eccessiva concentrazione non sia un motivo di allarme in quanto riflette semplicemente la forza economica delle società. “Le megacap stanno sovraperformando perché i risultati e le prospettive sono forti e sono preferibili perché riflettono una forza economica più ampia”, ha affermato Peter Tuz, presidente di Chase Investment Counsel. Alcuni sono ottimisti anche per il fatto che nei prossimi mesi la partecipazione ai rendimenti di mercato sarà più ampia, con un maggior contributo delle altre società dell’S&P 500 grazie al miglioramento degli utili. “Il divario di sovraperformance degli utili inizierà a ridursi”, ha detto Kourkafas di Edward Jones. “Quest’anno gli investitori non dovrebbero rinunciare al tema dell’ampliamento della leadership”.

 

Goldman Sachs, il rally continuerà fino all’estate

Nei prossimi mesi, quindi, le aspettative sono per una continuazione del rally a Wall Street. Ma fino a quando? Secondo Goldman Sachs, le azioni americane cresceranno di valore almeno fino al terzo trimestre. “Un’ondata di liquidità proveniente dalle allocazioni azionarie passive si riverserà nel mercato azionario all’inizio di luglio”, ha scritto Scott Rubner, amministratore delegato della divisione mercati globali della banca americana. A suo avviso, inoltre, le azioni dovrebbero beneficiare delle tendenze stagionali e della crescita dei piccoli investitori.

Rubner riporta che dal 1928, le prime due settimane di luglio sono le migliori per Wall Street, con l’indice S&P 500 che ha registrato nove rialzi consecutivi in questo lasso temporale per un rendimento medio del 3,7% e il Nasdaq-100 ne ha registrati sedici  con un rendimento medio del 4,6%. Dopo il 17 del mese, invece, le performance tendono a svanire, osserva l’esperto. “L’asticella per essere short sulle azioni in questo momento è molto alta, dati questi flussi imminenti e le dinamiche di mercato casuali”, ha scritto Rubner.

AUTORE

Picture of Johnny Zotti

Johnny Zotti

Laureato in economia, con specializzazione in finanza. Appassionato di mercati finanziari, svolge la professione di trader dal 2009 investendo su tutti gli strumenti finanziari. Scrive quotidianamente articoli di economia, politica e finanza.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *